Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15

Warning: Creating default object from empty value in /home/cbman/public_html/blog/wp-content/themes/vistered-little/wallpaper_functions.php on line 15
ecologia @ BLOG BONZO IT 3.0

#m5s (il movimento nell’era di twitter)

autobus 

Vorrei fare una piccola analisi sulla situazione romana post tornata elettorale. Ma prima bisogna fare un piccolissima premessa. Con questo mio post parlo a livello personale. Non rappresento NESSUNO se non me stesso. In pieno stile : uno vale uno. Inoltre aggiungo che il mio intento è quello di fare una critica legittima e basta. Non voglio diffamare nessuno.

Seguo il blog di Beppe Grillo dalla sua nascita (2005), sono iscritto al meetup di Roma dal luglio 2006. Ho partecipato alla realizzazione dei famosi Vday  (In particolar modo per il secondo).  Sono tra i soci fondatori dell’associazione politica Amici di Beppe Grillo di Roma. Sono stato candidato come presidente del VIII municipio di Roma nel 2008, ho partecipato a tutte le inziative del “futuro” movimento fino alla fine del 2009. Dopo ho avuto un periodo medio lungo di stop. Periodo di stop sul territorio ma non all’interno del movimento.  Tanto è vero che sto tra i 49.000 e rotti iscritti ufficialmente al movimento (per intenderci…. coloro che hanno diritto a votare alle primare, sfiduciare, scegliere candidati presidente dela Repubblica etc etc). Tutto questo per dire cosa? Semplicemente che conosco molto bene il movimento cinque stelle dall’interno. Soprattutto la situazione a Roma. E poichè da sempre interessato a tematiche ambientali/territoriali conosco discretamente anche il mondo dell’associazionismo romano e dei piccoli personaggi “politici” locali.

Risultato elettorale amministrative a Roma: #m5s al 12.43%. Allora se lo paragoniamo al risultato delle amministrative del 2008 beh che dire…. un ottimo risultato. Nel 2008 la lista Amici Di Beppe Grillo di Roma si fermò poco sotto la soglia del 3%. Ma se pensiamo alle politiche? beh c’è stato un totale crollo di consensi! Anche perchè la metà dei Romani non ha votato!!! I cittadini Romani hanno preferito non votare che votare il #m5s! Perchè?

La risposta esatta non la conosco. Il cittadino votante è strano. Soprattutto nelle amministrative. Spesso si vota l’amico dell’amico. Ma analizziamo un paio di punti critici (secondo il mio modesto parere).

  1. Il movimento Romano è spaccato. Spaccato fin dalla sua nascita. Ci sono 2 fazioni storiche. I “montiani” (Da Serenetta Monti ex candidato sindaco del 2008) e i “lombardiani” (da Roberta Lombardi attuale portavoce alla camera). Non voglio entrare in merito. Personalmente non ho mai seguito nessuna corrente. Racconto solo i fatti. Ulteriore divisione c’è tra il passato e il presente. Ovvero tutti i nuovi attivisti sono totalmente diffidenti con noi della vecchia guardia. Attualmente il movimento Romano viene “gestito” al 90% da cittadini iscritti mediamente da un anno o due. Non ci sono aperture verso il passato. Totale diffidenza. Immotivata tra l’altro.E come sapete ogni genere di spaccatura crea debolezza. Non cresce lo spirito di gruppo.E magari chi si sente automaticamente tagliato fuori… beh… non utilizza a pieno il proprio tempo per far conoscere il movimento ad altre persone. Non combatte più di tanto per far arrivare qualche voto in più.
  2. Molti candidati / attivisti (compreso Grillo) hanno perso di vista le tematiche storiche del #m5s. Sostenibilità, Mobilità, Connettività, Rifiuti Zero etc etc etc. Ormai la “politica” del movimento è quasi esclusivamente anti casta e votata al “risparmio” del denaro pubblico. E quando, quelle rare volte, si parla di Acqua lo si fa bevendo da una bottiglia d’acqua minerale, quando si parla di mobilità lo si fa da una bella macchina 2000 di cilindrata, quando si parla di opensource si sfoggia allegramente un ipad o un iphone in mano…etc. etc. Alle parole dovrebbero seguire i fatti. Altrimenti si rischia di fare come tutti gli altri che bla bla bla bla bla….
  3. Marcello De Vito. Non lo conosco di persona, per carità, ma non mi ha fatto un buona impressione(come candidato). Vi spiego il perchè. E’ iscritto al movimento da solo un anno. Quindi non era conosciuto a pieno proprio da tutti. Prima delle primarie era una persona normalissima. Ci sono moltissime foto di lui in t-shirt e cappello. Una volta candidato ufficialmente a Sindaco di Roma… la trasformazione! Un Alfio Marchini de noaltri. Giacca e cravatta fissa. Quando non porta la giacca ecco spuntare un maglioncino sulle spalle in pieno stile “pariolo”. Forse è stata una scelta di “marketing” non so. Forse su qualche persona anziana puo’ anche funzionare… ma sul nostro elettorato giovane e di periferia? Lo sappiamo tutti che l’elettore giovane (under 30) magari abitante non nel quadrante storico ha un rifiuto a pelle verso determinati cliché. Un candidato cinque stelle deve essere un candidato dei cittadini, per i cittadini e deve rappresentare i cittadini. Quando vai a qualche riunione in periferia e ti presenti vestito di tutto punto crei un distacco “emozionale” notevole. Ma non solo. Non mi è piaciuto l’atteggiamento verso i cittadini in alcune occasioni. Le prime 3 vissute personalmente, una quarta mi è stata riferita. La prima occasione è stata durante la sua presentazione ufficiale presso il V municipio (ex VI+VII). Probabilmente stava poco bene. Ogni 5 minuti entrava e usciva dal bagno. Poi ho fatto un intervento di neanche 10 min per poi andare subito via. Non si è interfacciato minimamente con i cittadini presenti. La seconda occasione durante la presentazione della lista nel IV municipio (Ex V). C’erano molte persone presenti. Compresi 2 parlamentari (Di Battista e Baroni). A turno i presenti hanno fatto un intervento (molto bello e pieno di emozioni quello del candidato presidente municipale Barbuto). Tutti a turno si sono alzati in piedi in segno di rispetto verso i cittadini presenti. Un pò come gli alunni quando entra il preside in aula. Tutti tranne proprio De Vito. Ha fatto il suo discorso seduto al tavolo. Anche queste piccole cose contano per i cittadini. E’ questione di emozioni e linguaggio non verbale. Puoi dire qualsiasi cosa ma se non lavori sull’emotività che crea il tuo corpo e i i tuoi modi di fare beh… raccogli meno consensi del dovuto. Una terza occasione è stata quando personalmente ho proposto a De Vito un intervista su un blog molto importante. “teatro e critica”. “Teatro e critica” è il secondo blog al livello nazionale (per numero di accessi) che tratta tematiche culturali/teatrali. Ho la fortuna di conoscere l’amministratore del blog. Abbiamo provato in tutti i modi a intervistare De Vito. Non ci siamo riusciti. Le sue risposte sono state vaghe. In prima battuta ha detto che preferiva parlare con i cittadini e non con i giornalisti (boh..) dopo di che mi ha indicato una terza persona (un candidato consigliere comunale) perchè era la “persona più adatta” a rispondere a quel genere d’intervista. Insomma alla fine è stato un totale buco nell’acqua. La quarta occasione mi è stata riferita da un mio parente. Questa persona da sempre è un attivista di Rifondazione Comunista in zona Tor Pignattara/Pigneto. Mi ha raccontato che, con estrema tristezza, gli attivisti di Rifondanzione sono consapevoli di essere 4 gatti. Erano molto interessati al #m5s. Erano attratti perchè lo ritenevano l’unica alternativa valida. Pensavano sinceramente di vagliare l’opzione di dare appoggio al #m5s. E allora che fanno? Organizzano un incontro con tutti i candidati sindaco di Roma per farsi un idea. Arrivano tutti puntuali (chi di persone chi con delegati) tranne chi?? indovinate chi?? Proprio De Vito! Mi è stato riferito che è arrivato con molto tempo di ritardo, ha preso a volo la parola. Ha fatto un intervento di 5 minuti e poi se ne andato (dicendo che aveva la moglie e le figlie che lo aspettavano in macchina). Zero interazione con i cittadini! Zero domande e zero risposte. Secondo voi che impressione ha dato ai cittadini di Rifondazione presenti all’incontro? Pessima. Mi hanno riferito che in blocco hanno deciso di votare Medici. Il loro candidato ufficiale. Detto tra di noi… magari quel 3% poteva risultare utile al #m5s, non credete? E per finire anche alcune uscite poco felici non hanno sicuramente aiutato il movimento. L’attacco verso i teatri autogestiti è stato puro autolesionismo, la proposta di chiudere il bioparco poi?? assurda! Capisco gli animalisti, i vegani etc etc. Ma qui si parla di emozioni. TUTTI I NATI A ROMA almeno una volta nella vita (al 99% nell’infanzia) ha fatto un giro allo zoo di Roma con i proprio genitori. E hanno un ottimo ricordo (come tutti i ricordi legati alla tenerà età). Razionalmente magari molti sono contrari alla logica dello zoo… ma “emotivamente”? Purtroppo noi essere umani ci facciamo guidare molto spesso dall’istinto e dal subconscio. E per molti… il bioparco è sinonimo di infanzia felice. Di belle giornate. Non si puo’ toccare.E poi la cosa veramente “brutta” è stata la pubblicità su cartelloni esposti su moltissimi autobus dell’ATAC!!!!!! Conosco personalmente persone che hanno dichiarato di non voler più dare contributi monetari al movimento se questi soldi vengono poi spesi in affissioni su autobus e tram! E personalmente, vi dico, che per me è stata una sconfitta. Vedere quei cartelloni in stile Marini/Alemanno/Marchini pubblicizzare un candidato cinque stelle mi ha messo molta tristezza. Da sempre il movimento è contrario alle affissioni di qualsiasi genere. Sui muri, sulle case, sui bandoni, autobus, tram, metropolitane etc etc etc.
  4. La lista dei candidati municipali (in molti municipi) è stata poco chiara. Il fatto che, per esempio, persone come me (ricordo che posso votare per i candidati al parlamento, sindaco, presidenti vari etc etc) o perfino deputati e senatori non possono scegliere i propri portavoce locali è assurdo e priva di senso. Ho votato per le primarie del Sindaco ma non del candidato presidente del mio municipio! Ci sono delle regole astruse, contorte e piene di paranoie. In molti municipi ci sono state delle polemiche sulla realizzazione della lista. Ma non voglio entrare troppo in merito. Questi aspetti sono di pubblico dominio sul forum Romano del cinque stelle. Cmq tutta questa poca stabilità è chiarezza spiazza in prima battuta l’attivista e poi l’elettore medio.

Detto questo secondo il mio parere il movimento poteva fare di meglio. Non dico lo stesso risultato delle politiche (poco probabile), ma almeno un 5/6% in più credo di si. Infatti le previsioni erano quelle. Tra il 15% e il 20%. Invece neanche il 13%. Quindi il risultato è buono rispetto a 5 anni fa ma PESSIMO rispetto al bacino teorico di voti. Tra gli elettori che non si sentono rappresentati dalle macroforze politiche e con gli astenuti (il 50% dei Romani) il #m5s poteva fare sicuramente molto di più. Sbagliando s’impara (lo spero). Vediamo in futuro.

 

 


Roma come Reykjavik (aspetta e spera)

Mappa Geotermica

E’ Periodo di crisi, giusto?

Bisogna risparmiare il più possibile, giusto?

E allora perchè questa notizia del 2009 (ben 2 anni fa) è passata del tutto in sordina?

La scoperta L’ acqua ha una temperatura media di 20 gradi Franco Barberi: energia geotermica pulita, come nel Nord Europa

Il fiume segreto sotto il Tevere «Scalderà Roma»

Il percorso Ricostruito il percorso del fiume, più largo di centinaia di metri rispetto al corso del Tevere Gli scopritori «Ci aspettiamo l’ arrivo di partner industriali con cui sviluppare prototipi di impianto per sfruttare il fiume»

ROMA – «Il Tevere nasconde, sotto il suo letto, un enorme fiume profondo, completamente separato, che potrebbe essere utilizzato come sorgente di energia geotermica per riscaldare e rinfrescare gran parte dei condomini della capitale, con notevoli risparmi di combustibili e riduzione dell’ inquinamento». A stupirci con questa doppia notizia, geologica ed energetica, è Franco Barberi, un volto noto ai più perché è stato sottosegretario alla Protezione civile prima di Guido Bertolaso. Ma, per chi si occupa di scienze della Terra, Barberi è soprattutto il professore di geochimica, il vulcanologo, lo scienziato che per primo è riuscito a deviare una rovinosa colata di lava dall’ Etna. Tornato alla ricerca scientifica e all’ insegnamento presso l’ università di Roma Tre dopo la lunga parentesi al governo negli anni ‘ 90, Barberi, con la collaborazione della giovane moglie Maria Luisa Carapezza, geochimica all’ Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), e di altri ricercatori universitari, ha ricostruito con grande dettaglio il corso del fiume sotterraneo di Roma, effettuando prelievi e analisi attraverso più di 200 pozzi. «L’ acquifero si trova fra i 30 e i 60 metri sotto il Tevere ed è molto più largo del fiume superficiale, estendendosi per qualche centinaio di metri sia da un lato del corso che dall’ altro – spiega lo scienziato -. Ma non si pensi a una vera e propria cavità: il flusso d’ acqua sotterraneo scorre fra le ghiaie e le sabbie dell’ antico corso del Tevere, stretto, sopra e sotto, fra due strati di terreno impermeabile e quindi isolato rispetto alle acque di superficie». Come se non bastasse la curiosità geologica del fiume antico sotto a quello attuale, che Barberi e collaboratori descrivono in uno studio appena pubblicato («La geologia di Roma», a cura del professor Renato Funiciello), le indagini fisico-chimiche indicano che le acque sotterranee possono diventare una risorsa energetica: «Hanno una temperatura media di 20 gradi centigradi, pH neutro e non presentano contaminazioni. Insomma – spiegano Barberi e la Carapezza – presentano le caratteristiche di un fluido che, grazie a pompe di calore, può cedere il suo contenuto termico, provvedendo sia al riscaldamento invernale che al raffrescamento estivo». In passato, aggiungono i due studiosi, sembrava che fosse conveniente sfruttare solo le risorse geotermiche ad alta temperatura, come quelle presenti nella regione Toscana, a Larderello, dove i fluidi sotterranei superano i cento gradi. Ma ora, in molti Paesi dell’ Europa centro settentrionale si sta creando un grande mercato dell’ energia geotermica pulita e a basso costo, sfruttando proprio acquiferi a temperature anche sotto i 20 gradi: «In Svezia, il Paese con la crescita più sbalorditiva di questi impianti, vengono installate ogni anno oltre 50 mila pompe di calore geotermico che già provvedono ai bisogni di diverse centinaia di migliaia di abitazioni – assicurano Barberi e la Carapezza -. A Roma, come pure in molte altre città italiane caratterizzate da un substrato geologico caldo, che trasferisce energia agli acquiferi profondi, sarebbe estremamente facile e conveniente estrarre i liquidi geotermici, convogliarli ai condomini e, dopo lo sfruttamento attraverso le pompe di calore, iniettarli nuovamente nell’ acquifero per non farlo esaurire». Finora le ricerche di Barberi e collaboratori hanno ricevuto i finanziamenti del ministero della Pubblica istruzione, dell’ Ingv e dell’ università Roma Tre: «Ora ci aspettiamo l’ arrivo di partner industriali con cui sviluppare alcuni prototipi di impianto, per valutarne funzionamento e rendimento». «Sono convinto che Roma, come Reykjavik, la capitale dell’ Islanda, potrebbe raggiungere la pressoché totale indipendenza energetica dagli idrocarburi, grazie allo sfruttamento dell’ energia del sottosuolo, diventando la capitale più pulita d’ Europa – conclude il professor Enzo Boschi, presidente dell’ Ingv, che appoggia con convinzione l’ iniziativa di Barberi -. Non vorrei sembrare eccessivamente ottimista ma, data la relativa semplicità degli impianti, già in dieci anni si potrebbe disegnare il nuovo volto energetico della capitale». Franco Foresta Martin

Foresta Martin Franco

I scienziati aspettano e sperano ancore negli investimenti di privati. Campa cavallo che l’erba cresce! I privati investono solo per lucrare! E dove sarebbe il lucro nel produrre energia pulita e indipendente dal  petrolio? Qui in Italia invece di pensare a SVENDERE i beni dello stato al primo offerente si dovrebbe pensare per una volta tanto a fare qualcosa in favore della collettività!! Investire nella ricerca e nei beni e servizi comuni. Questo servirebbe! Altro che privatizzazioni! Bisognerebbe statalizzare con la forza aziende chiave di questa economia malata. A partire dalle autostrade (ma perchè devo pagare fior fiori di soldi di pedaggio per far ingrassare Briatore quando tutti quei soldi potrebbero entrare direttamente nelle casse dello stato??) Perchè dovrei pagare fior fiori di abbonamenti telefonici/adsl quando le linee fisicamente sono proprietà di un privato? Perchè dovrei pagare il pizzo di un euro su ogni bolletta pagata alla posta quando quell’euro non entra nella casse statali ma di un privato?

Ovviamente io non mi riferisco a tutte le attività commerciali. Per carità. Il libero mercato deve essere sempre presente. Ma i servizi, le concessioni, le vie di comunicazione e di collegamento…. dovrebbero tutte tornare allo stato.

Stesso discorso per l’energia. Creata, gestita e controllata dai cittadini, per i cittadini, a favore dei cittadini. Perchè l’amministrazione capitolina o regionale non dovrebbe investire in questo progetto interessante e un pò avventato?

Purtroppo tutti gli indici mondiali fanno riferimento al fantomatico PIL e mai al benessere reale  e gradi di soddisfazione dei cittadini.


Rapporto 41

E=MC²

Purtroppo l’Energia è un grande problema per tutte le nazioni del mondo.

E’ un problema come generare energia, come reperirla, come conservarla, come distribuirla senza disperdere nulla.

Inoltre, è un grande problema anche come generare, reperire, conservare e distribuire Energia senza inquinare il nostro pianeta.

La popolazione mondiale ha sempre più fame di Energia. Più consuma energia e più inquina e uccide il suo ecosistema. E’ un circolo mortale che deve essere spezzato.

Purtroppo, attualmente, tutta l’energia prodotta nel mondo deriva per l’80% da combustibile fossile(carbone e petrolio), per il 19% da Energia Nucleare “di vecchia generazione”, e solo l’1% da energia ecosostenibile/rinnovabile.

Attualmente chi possiede e/o distribuisce combustibile fossile ha il potere assoluto sul mondo intero.

Per esempio, in nome del petrolio si combattono guerre, in nome del gas fossile si offendono Nazioni e Popoli (Vorrei ricordare a Putin e al popolo Russo che la Russia ha uno dei più alti tassi di alcolisti e di “cornuti” di tutto il globo!!! Gli uomini bevono Vodka, e le donne si divertono con i turisti/stranieri… sopratutto ITALIANI!).

I popoli che non vogliono commerciare solo in petrolio e affini(anche perchè sanno che prima o poi finirà) cercano in tutti i modi di utilizzare Energia Nucleare di “vecchia generazione” (Leggi: Iran). Ovviamente queste popolazioni sono contrastate da chi detiene la “supremazia energetica” attuale (Leggi: USA in prima fila…).

C’è un modo per spezzare questo circolo vizioso e pericoloso????

Ovviamente si.

Ma viene contrastato continuamente da chi ha il “potere”.

Le fonti rinnovabili ed ecosostenibili sono molteplici, economiche e sicure. Ma creano “pochi profitti”.

Tralasciando l’energia fotovoltaica, fototermica, eolica, geotermica, derivante da ecocombustibili come Olio di Colza e Olio di Canapa, derivante dall’Idrogeno, dall’aria compressa, dal campo magnetico terrestre etc. etc. vorrei segnalarvi un Energia che teoricamente(volutamente bloccata in forma Teorica!!), potrebbe soddisfare il bisogno mondiale praticamente per l’ETERNITA’!!!! Tutto questo con un impatto ambientale pari a ZERO!!!!!!

LA FUSIONE FREDDA.

Cosa è la fusione fredda??

Ecco come viene definita su WikiPedia: …” La fusione nucleare fredda, detta comunemente fusione fredda (in inglese “Cold Fusion” (CF), “Low Energy Nuclear Reactions” (LENR) o Chemically Assisted Nuclear Reactions” (CANR) ), è un nome generico attribuito a reazioni di fusione nucleare che avvengono a temperatura relativamente bassa, invece che ai milioni di kelvin normalmente necessari“….. (Se vuoi leggere tutto l’articolo su wikipedia clicca qui: Fusione Fredda Wikipedia).

Ma andiamo nel dettaglio(tratto da http://www.cosediscienza.it):

….”Il 23 marzo 1989 due chimici, l’ inglese Martin Fleischmann e l’americano Stanley Ponds, convocarono una conferenza stampa presso l’Università di Utah (USA) per comunicare al mondo intero di aver fatto una scoperta che avrebbe cambiato il destino dell’umanità affrancandola definitivamente dalla ricerca di fonti energetiche alternative. I due scienziati in quell’occasione sostennero di essere riusciti a ricavare energia attraverso le stesse reazioni che avvengono all’interno del Sole ma senza dover ricorrere alle alte temperature e pressioni colà esistenti: essi, in altre parole, dichiararono di essere riusciti ad ottenere quella che ormai tutti conoscono come Fusione Fredda.

Di cosa si trattava esattamente? La fusione è una reazione di tipo fisico, cioè una trasformazione profonda della materia che coinvolge i nuclei degli atomi, allo stesso modo della fissione nucleare, con la differenza che mentre con la fissione (dal latino findere = spaccare) si rompono nuclei di atomi pesanti, con la fusione (dal latino fundere = unire) si aggregano nuclei di atomi leggeri. In entrambi i casi dal processo si ottiene energia in grande quantità grazie al cosiddetto difetto di massa: dopo la reazione, la massa dei nuovi nuclei non  è uguale a quella dei nuclei di partenza, ma un po’ inferiore. Quello che manca si è convertito in energia, come stabilisce la famosissima equazione di Einstein: E=mc², dove E è l’energia, m la massa e c² è la velocità della luce al quadrato. La presenza nella formula di un numero grandissimo e fisso, qual è la velocità della luce al quadrato, suggerisce che  è sufficiente che una piccolissima quantità di materia scompaia perchè si ottenga al suo posto una grandissima quantità di energia. Vi è però una differenza di ordine pratico fra i due processi nucleari di cui si è detto: mentre si riesce a controllare il processo di fissione nei cosiddetti reattori nucleari delle numerose centrali, fra le quali è diventata tragicamente famosa quella di Chernobyl, non si riesce a controllare la fusione, di cui si conosce il processo solo in forma esplosiva: la temibilissima bomba H.

Ma perchè non si riesce a controllare anche il processo di fusione?

Il motivo è semplice: per ottenere la fusione bisogna fare in modo che due nuclei, ad esempio quelli dell’ atomo di idrogeno, si avvicinino fino a venire quasi a contatto: solo allora infatti la forza nucleare che è di tipo attrattivo avrebbe la meglio su quella elettrostatica che è di tipo repulsivo, perchè generata da due corpuscoli entrambi con carica elettrica positiva. Avvicinare i due nuclei dell’ idrogeno in modo che vengano a contatto non è comunque per niente facile. Un sistema potrebbe essere quello di fornire loro energia sotto forma di calore: si sa che la temperatura di un corpo è la misura dell’ energia cinetica dei suoi costituenti e quindi più esso è caldo maggiore è  l’ agitazione delle sue particelle. Pertanto, per provocare lo scontro, si potrebbero scaldare i nuclei dell’ idrogeno: l’energia che uscirebbe dalla fusione di alcuni di essi servirebbe ad alzare ulteriormente la temperatura e il processo non avrebbe più fine fino a quando non si fosse esaurito tutto l’idrogeno di partenza. Le temperature da raggiungere sarebbero però così elevate che nessun materiale sopporterebbe simili condizioni: il primo grosso problema sarebbe quindi quello di trovare il recipiente adatto entro il quale produrre la reazione.

[CUT]…

La notizia ebbe l’ effetto di un fulmine a ciel sereno e in un battibaleno fece il giro del mondo. Essa fra l’ altro rappresentava la rivalsa della chimica “puzzolente” e inquinante sulla fisica pulita e produttiva, ma la maggior parte degli scienziati si dimostrò subito piuttosto scettica di fronte a questo avvenimento anche perchè da molti anni, la comunità scientifica era impegnata nella ricerca della fusione calda, ossia verso un obiettivo diametralmente opposto a quello indicato dai due chimici.

Lo scetticismo diffuso nell’ambiente dei fisici in parte era dovuto ad un certo pregiudizio nei riguardi dei chimici che avevano invaso un campo non di loro pertinenza e in parte al modo in cui la notizia era stata data. I due scienziati spiegarono infatti la loro scoperta in termini non troppo rigorosi tanto che i dubbi sulla effettiva riuscita dell’sperimento erano molti.”…….

Quindi, la fusione fredda, è (con termini “popolari e da profano”) “ricreare l’energia del sole in un ambiente sicuro, controllato e freddo”. Avere la potenza del sole in tasca. Senza pericoli, senza inquinamento e radiazioni, senza pericolo di esplosioni e nuove “Chernobyl”.

Ma questa scoperta del 1989, tramutata poi in “teoria”, è stata sempre “rinnegata” dal mondo Scientifico e “ufficiale” mondiale.

Perchè?

Per due motivi:

1) Un energia illimitata(o praticamente illimitata) ha un valore commerciale pari allo 0.

2) Molte persone perderebbero soldi, fama e potere.(Leggi: Petrolieri, Scienziati di “vecchia concezione, USA etc. etc.)

Ma perchè questo articolo s’intitola Rapporto 41??

Rapporto 41 è il nome di un documento scritto nel 2002 dal CNR ENEA(Ente per le Nuove Tecnologie, l’energia e l’ambiente) di Frascati in provincia di Roma.

Dal 1999 al 2002 un gruppo di lavoro, capitanato dal Premio Nobel Carlo Rubbia, ha lavorato nel cnr di Frascati al progetto “Fusione Fredda”. Il loro risultato è stato SUPERLATIVO!!!!

SONO RIUSCITI A PROVARE LA FATTIBILITA’ (E QUINDI A METTERE IN PRATICA LA “TEORIA”) DELLA FUSIONE FREDDA!

Ora mi direte… Ma come??? io non l’ho mai sentito!!!

Già. Esatto. Nessuno ne ha parlato semplicemente perchè lo stesso mondo scientifico HA VOLUTO IGNORARE QUESTA SPERIMENTAZIONE!

Vi segnalo una bellissima inchiesta effettuata da Rai News 24 intitolata:“Rapporto quarantuno” – Fisica e Metafisica di una rivoluzione scientifica scomparsa.

In questa breve inchiesta (circa 18 minuti) viene riassunto il lavoro svolto da Carlo Rubbia e la sua equipe e viene raccontato che fine ha fatto il famoso “Rapporto 41”.

Per visionare il documentario sul vostro PC vi consiglio di visitare il sito di Rai News 24, e in particolar modo la sezione delle Inchieste.

Per visionare il documentario sulla vostra TV vi consiglio di sintonizzare Rai News 24 utilizzando un semplice decoder digitale satellitare “free to air” o in alternativa uno SkyBox. Ecco i dati:

Posizione Orbitale Hotbird 13° (Hotbird II)

Symbol rate 27.5 Msym/s

Frequenza 11765.84 Mhz

FEC 2/3

PRC 8190

Sullo SkyBox il canale da utilizzare è: 506

Vi consiglio, se siete interessati all’argomento, di visitare anche questo articolo: Fusione Fredda su Disinformazione.

In tv e sui giornali si parla molto di tante cose (Finanziaria 2007, TFR etc. etc.) ma spesso le cose più importanti sono quelle che rimangono nell’oscurità  mediatica.

CBMAN

 

 

 


Un solo grido: NO TAV!

Posted on 10 ottobre 2006 by CBMAN.
Categories: ecologia, eMule, Internet, Istituzioni, MassMedia, news, P2P, Roma, satellite, Stampa, TAV, Televisione, Video.

NO TAV

Vorrei segnalarvi brevemente una buona notizia. Circa un anno fa aiutai un mio caro amico, Il signor Roberto Torre presidente del Comitato Territoriale Ambientale di Roma, a diffondere tre documentari autoprodotti da lui, dal comitato e da un gran numero di cittadini Romani. I documentarti sono intitolati “SCANDALO TAV” – Atto Primo, “SCANDALO TAV” – Atto Secondo e “SCANDALO TAV” – Atto Terzo. Quale è la buona notizia?

Dopo aver inviato 6000 copie dei tre “SCANDALO TAV” a tutti gli organi di stampa ed istituzionali (Italiani ed Internazionali), dopo aver diffuso, trasformandoli in tre Xvid, su internet i tre filmati mediante piattaforma di file sharing p2p eMule, dopo essere stati gentilmente ospitati dal server di Arcoiris.tv (Streaming on line) da circa un anno, dopo aver proiettato i filmati in centinaia di Cineforum, Associazioni no profit, leghe NO TAV, pubbliche piazze Romane e del nord d’Italia, etc etc. FINALMENTE UNO DEI TRE DOCUMENTARI (il terzo Atto) VERRA’ TRASMESSO IN TV!!!!!!!!!!

Mercoledi 11 Ottobre 2006 alle ore 21:28 (Clicca qui per il palinsesto) “SCANDALO TAV” – Atto Terzo verrà  trasmesso da ARCOIRIS TV sintonizzabile gratuitamente (canale free to air) dal polo satellitare HotBird 13°.

Ecco tutti i dati per ricevere questo interessante canale utilizzando un normalissimo ricevitore digitale satellitare:

  • Per chi possiede un ricevitore FTA (free to air) o comunque NON uno SkyBox:

Hotbird 7a – 13° est
TRASPONDER:
18
FREQUENZA: 11.541,03
FEQ: 5/6
POLARIZZAZIONE: Verticale
SYMBOL RATE: 22.000 Mbauds
Nome Canale: Arcoiris Tv

  • Per chi possiede uno SkyBox:

Sintonizzare semplicemente il canale: 916.

Il documentario verrà  anche replicato Giovedi 12 Ottobre 2006 alle ore 08:28 sempre su ARCOIRIS TV.

Per scaricare LEGALMENTE i tre documentari utilizzate tranquillamente il programma di file sharing p2p eMule cercando i termini “SCANDALO TAV” o utilizzando questi tre link diretti: “SCANDALO TAV” – ATTO PRIMO LINK x EMULE, “SCANDALO TAV” – ATTO SECONDO LINK x EMULE, “SCANDALO TAV” – ATTO TERZO LINK x EMULE.

In più si possono visionare, da circa un anno, i tre documentari in Streaming On Line (Sia con Adsl che con 56K) grazie al server di Arcoiris.tv: “SCANDALO TAV” ATTO PRIMO/SECONDO/TERZO LINK PER STREAMING ON LINE.

Se desiderate ricevere GRATUITAMENTE i tre documentari in formato DVD dovete solo scrivere un e-mail al Presidente Del Comitato Territoriale Ambientale di Roma Signor Roberto Torre: roberto.torre@inwind.it

Che dirvi di più??

BUONA VISIONE!!!!!!

CBMAN

ps:…Tra breve verrà  diffuso il quarto atto!!!!!!


Blog Bonzo It. Di tutto, di più! Tra complotti e iniziative ecologiche…

Posted on 13 settembre 2006 by CBMAN.
Categories: Cinema, Cultura, ecologia, estero, Guerra, Internet, MassMedia, news, Politica, satellite, Solidarietà, Televisione, Video.

Inganno Globale

Rieccomi di nuovo da voi miei cari visitatori :)

Questo è un articolo “Multiplo”. Vi parlerà di varie cose. Da cosa inizio?? Ovvio dall’ INGANNO GLOBALE dell 11 settembre 2001!!!!!(il link porta in una pagina dove è possibile scaricare tutto il film).

Per spiegare di cosa tratta il film utilizzo fedelmente le parole dell’autore:

“11 Settembre 2001 – Inganno Globale” è il primo film italiano sugli attentati che da cinque anni a questa parte hanno cambiato il corso della storia.

Vuoi per le guerre che ne sono state fatte conseguire, e che stanno avendo enormi implicazioni a livello globale, vuoi soltanto per il costo quasi raddoppiato della benzina che tutti consumiamo ogni giorno, non c’è un solo aspetto delle nostre vite quotidiane che non sia stato in qualche modo toccato da quei fatti.

è quindi doppiamente importante per chiunque affrontare la questione con serietà e responsabilità , evitando di dividersi in due bande contrapposte, che possono portare soltanto a dannose spaccature, quando il problema ci riguarda tutti nella stessa misura.

Nel grande polverone mediatico che si sta alzando sull’11 settembre, questo film-inchiesta cerca di scartare il grano dal loglio, separando le accuse ridicole della vere responsabilità  mancate, proprio per evitare che grazie alla inconsistenza delle prime vengano coperte le seconde, e lo fa attenendosi rigorosamente a fatti documentati e verificabili da chiunque.

Non esiste il “complottismo”, esistono solo delle risposte poco chiare da parte dei governi. Noi vogliamo soltanto chiarezza.

Questo interessante Film è possibile visionarlo in vari modi:

  1. Mediante download in formato Xvid circa 600MB da questo link: INGANNO GLOBALE
  2. Mediante visione in streaming on line da questo link: INGANNO GLOBALE STREAMING
  3. Venerdi 15 settembre e Sabato 16 settembre 2006 alle ore 21 e in replica il giorno successivo alle ore 8 sul canale satellitare free to air (gratuito) ARCOIRIS TV IN ANTEPRIMA NAZIONALE.

Vi segnalo anche tutti i dati per visualizzare il canale satellitare:

Hotbird 7a – 13° est
TRASPONDER:
18
FREQUENZA: 11.541,03
FEQ: 5/6
POLARIZZAZIONE: Verticale
SYMBOL RATE: 22.000 Mbauds
Nome Canale: Arcoiris Tv

Sul decoder di sky il canale si trova semplicemente al numero 916.

E ora passiamo ad un altro argomento: ECOLOGIA!!!

Inquinamento

Vi consiglio la lettura di una buona rivista intitolata : Eco Mobile a Tutto Gas Rivista Internazionale della tecnologia innovativa per la mobilità .

E’ una rivista dedicata al mondo dei carburanti ecologici (gpl, metano, elettricità , idrogeno, olio di colza, olio di canapa etc etc) e alle autovetture (e automezzi in genere) eco compatibili.

In questa rivista ho appreso alcune notizie molto interessanti. Quali? Vi faccio alcuni esempi:

  • La commissione Europea ha proposto al parlamento Europeo di sostituire entro 10 anni la tassa d’immatricolazione delle auto con una tassa annuale di circolazione Europea, che varietà  in base al livello d’inquinamento prodotto dai veicoli per incentivare l’acquisto di auto pulite: in pratica, ai prezzi di listino potrebbe essere aggiunta una pesante tassa d’immatricolazione se l’auto consuma ed inquina troppo. (Ottima idea! n.d.a.)
  • GoinGreen, nata nel 2002, è la prima rete di venditori di auto ecologiche in Gran Bretagna. Un’azienda privata ed etica, con partner autorevoli che grazie alla vendita diretta offre veicoli ecologici ad un prezzo equo. Per accrescere l’appeal dell’auto a basso impatto ambientale, Goingreen cura tutti i servizi post vendita, comprese manutenzioni e riparazioni, riuscendo ad ottenere l’eliminazione della tassa di possesso, la riduzione dell’assicurazione e dell’iva, nonchè l’esenzione del pagamento del parcheggio e della congestion charge, la tariffa di accesso a al centro di Londra. Veicoli elettrici, ibridi e GPL sono in vendita attraverso un dettagliato sito internet. Sul web si puo’ scegliere modello ed optional, stabilire metodo di pagamento, firmare il contratto, dare caparra e saldare 72 ore prima della consegna. (Veloce, innovativo, semplice, moderno, sicuro, ecologico. Ottima Idea!! Quando qui in Italia?!?!?!? :-P)
  • Al via il 1° Ecorally internazionale dalla Città  del Vaticano destinazione la Repubblica di San Marino. Partirà  domenica 8 ottobre 2006 alle 12:30 da Piazza San Pietro, dopo la benedizione del Santo Padre, per arrivare in serata nella Repubblica di San Marino. I veicoli partecipanti saranno le normali auto in circolazione sulle nostre strade regolarmente targate, omologate, collaudate e in regola con tutte le normative internazionali. Ovviamente dovranno utilizzare carburante pulito. Quindi via libera alle auto elettriche e quelle ibride, al gpl, al metano, all’idrogeno, ecc. ecc. Sarà  sufficente che sia accertata la maggiore sostenibilità  ambientale rispetto a benzina e gasolio.

E con questo è tutto. Spero sempre che i miei articoli risultino interessanti e “alternativi”.

Un caro Saluto

CBMAN