Stay Tuned

Posted on 15 settembre 2013 by CBMAN.
Categories: news.

 

stay tuned

 

 

Novità in arrivo….

 


#m5s (il movimento nell’era di twitter)

autobus 

Vorrei fare una piccola analisi sulla situazione romana post tornata elettorale. Ma prima bisogna fare un piccolissima premessa. Con questo mio post parlo a livello personale. Non rappresento NESSUNO se non me stesso. In pieno stile : uno vale uno. Inoltre aggiungo che il mio intento è quello di fare una critica legittima e basta. Non voglio diffamare nessuno.

Seguo il blog di Beppe Grillo dalla sua nascita (2005), sono iscritto al meetup di Roma dal luglio 2006. Ho partecipato alla realizzazione dei famosi Vday  (In particolar modo per il secondo).  Sono tra i soci fondatori dell’associazione politica Amici di Beppe Grillo di Roma. Sono stato candidato come presidente del VIII municipio di Roma nel 2008, ho partecipato a tutte le inziative del “futuro” movimento fino alla fine del 2009. Dopo ho avuto un periodo medio lungo di stop. Periodo di stop sul territorio ma non all’interno del movimento.  Tanto è vero che sto tra i 49.000 e rotti iscritti ufficialmente al movimento (per intenderci…. coloro che hanno diritto a votare alle primare, sfiduciare, scegliere candidati presidente dela Repubblica etc etc). Tutto questo per dire cosa? Semplicemente che conosco molto bene il movimento cinque stelle dall’interno. Soprattutto la situazione a Roma. E poichè da sempre interessato a tematiche ambientali/territoriali conosco discretamente anche il mondo dell’associazionismo romano e dei piccoli personaggi “politici” locali.

Risultato elettorale amministrative a Roma: #m5s al 12.43%. Allora se lo paragoniamo al risultato delle amministrative del 2008 beh che dire…. un ottimo risultato. Nel 2008 la lista Amici Di Beppe Grillo di Roma si fermò poco sotto la soglia del 3%. Ma se pensiamo alle politiche? beh c’è stato un totale crollo di consensi! Anche perchè la metà dei Romani non ha votato!!! I cittadini Romani hanno preferito non votare che votare il #m5s! Perchè?

La risposta esatta non la conosco. Il cittadino votante è strano. Soprattutto nelle amministrative. Spesso si vota l’amico dell’amico. Ma analizziamo un paio di punti critici (secondo il mio modesto parere).

  1. Il movimento Romano è spaccato. Spaccato fin dalla sua nascita. Ci sono 2 fazioni storiche. I “montiani” (Da Serenetta Monti ex candidato sindaco del 2008) e i “lombardiani” (da Roberta Lombardi attuale portavoce alla camera). Non voglio entrare in merito. Personalmente non ho mai seguito nessuna corrente. Racconto solo i fatti. Ulteriore divisione c’è tra il passato e il presente. Ovvero tutti i nuovi attivisti sono totalmente diffidenti con noi della vecchia guardia. Attualmente il movimento Romano viene “gestito” al 90% da cittadini iscritti mediamente da un anno o due. Non ci sono aperture verso il passato. Totale diffidenza. Immotivata tra l’altro.E come sapete ogni genere di spaccatura crea debolezza. Non cresce lo spirito di gruppo.E magari chi si sente automaticamente tagliato fuori… beh… non utilizza a pieno il proprio tempo per far conoscere il movimento ad altre persone. Non combatte più di tanto per far arrivare qualche voto in più.
  2. Molti candidati / attivisti (compreso Grillo) hanno perso di vista le tematiche storiche del #m5s. Sostenibilità, Mobilità, Connettività, Rifiuti Zero etc etc etc. Ormai la “politica” del movimento è quasi esclusivamente anti casta e votata al “risparmio” del denaro pubblico. E quando, quelle rare volte, si parla di Acqua lo si fa bevendo da una bottiglia d’acqua minerale, quando si parla di mobilità lo si fa da una bella macchina 2000 di cilindrata, quando si parla di opensource si sfoggia allegramente un ipad o un iphone in mano…etc. etc. Alle parole dovrebbero seguire i fatti. Altrimenti si rischia di fare come tutti gli altri che bla bla bla bla bla….
  3. Marcello De Vito. Non lo conosco di persona, per carità, ma non mi ha fatto un buona impressione(come candidato). Vi spiego il perchè. E’ iscritto al movimento da solo un anno. Quindi non era conosciuto a pieno proprio da tutti. Prima delle primarie era una persona normalissima. Ci sono moltissime foto di lui in t-shirt e cappello. Una volta candidato ufficialmente a Sindaco di Roma… la trasformazione! Un Alfio Marchini de noaltri. Giacca e cravatta fissa. Quando non porta la giacca ecco spuntare un maglioncino sulle spalle in pieno stile “pariolo”. Forse è stata una scelta di “marketing” non so. Forse su qualche persona anziana puo’ anche funzionare… ma sul nostro elettorato giovane e di periferia? Lo sappiamo tutti che l’elettore giovane (under 30) magari abitante non nel quadrante storico ha un rifiuto a pelle verso determinati cliché. Un candidato cinque stelle deve essere un candidato dei cittadini, per i cittadini e deve rappresentare i cittadini. Quando vai a qualche riunione in periferia e ti presenti vestito di tutto punto crei un distacco “emozionale” notevole. Ma non solo. Non mi è piaciuto l’atteggiamento verso i cittadini in alcune occasioni. Le prime 3 vissute personalmente, una quarta mi è stata riferita. La prima occasione è stata durante la sua presentazione ufficiale presso il V municipio (ex VI+VII). Probabilmente stava poco bene. Ogni 5 minuti entrava e usciva dal bagno. Poi ho fatto un intervento di neanche 10 min per poi andare subito via. Non si è interfacciato minimamente con i cittadini presenti. La seconda occasione durante la presentazione della lista nel IV municipio (Ex V). C’erano molte persone presenti. Compresi 2 parlamentari (Di Battista e Baroni). A turno i presenti hanno fatto un intervento (molto bello e pieno di emozioni quello del candidato presidente municipale Barbuto). Tutti a turno si sono alzati in piedi in segno di rispetto verso i cittadini presenti. Un pò come gli alunni quando entra il preside in aula. Tutti tranne proprio De Vito. Ha fatto il suo discorso seduto al tavolo. Anche queste piccole cose contano per i cittadini. E’ questione di emozioni e linguaggio non verbale. Puoi dire qualsiasi cosa ma se non lavori sull’emotività che crea il tuo corpo e i i tuoi modi di fare beh… raccogli meno consensi del dovuto. Una terza occasione è stata quando personalmente ho proposto a De Vito un intervista su un blog molto importante. “teatro e critica”. “Teatro e critica” è il secondo blog al livello nazionale (per numero di accessi) che tratta tematiche culturali/teatrali. Ho la fortuna di conoscere l’amministratore del blog. Abbiamo provato in tutti i modi a intervistare De Vito. Non ci siamo riusciti. Le sue risposte sono state vaghe. In prima battuta ha detto che preferiva parlare con i cittadini e non con i giornalisti (boh..) dopo di che mi ha indicato una terza persona (un candidato consigliere comunale) perchè era la “persona più adatta” a rispondere a quel genere d’intervista. Insomma alla fine è stato un totale buco nell’acqua. La quarta occasione mi è stata riferita da un mio parente. Questa persona da sempre è un attivista di Rifondazione Comunista in zona Tor Pignattara/Pigneto. Mi ha raccontato che, con estrema tristezza, gli attivisti di Rifondanzione sono consapevoli di essere 4 gatti. Erano molto interessati al #m5s. Erano attratti perchè lo ritenevano l’unica alternativa valida. Pensavano sinceramente di vagliare l’opzione di dare appoggio al #m5s. E allora che fanno? Organizzano un incontro con tutti i candidati sindaco di Roma per farsi un idea. Arrivano tutti puntuali (chi di persone chi con delegati) tranne chi?? indovinate chi?? Proprio De Vito! Mi è stato riferito che è arrivato con molto tempo di ritardo, ha preso a volo la parola. Ha fatto un intervento di 5 minuti e poi se ne andato (dicendo che aveva la moglie e le figlie che lo aspettavano in macchina). Zero interazione con i cittadini! Zero domande e zero risposte. Secondo voi che impressione ha dato ai cittadini di Rifondazione presenti all’incontro? Pessima. Mi hanno riferito che in blocco hanno deciso di votare Medici. Il loro candidato ufficiale. Detto tra di noi… magari quel 3% poteva risultare utile al #m5s, non credete? E per finire anche alcune uscite poco felici non hanno sicuramente aiutato il movimento. L’attacco verso i teatri autogestiti è stato puro autolesionismo, la proposta di chiudere il bioparco poi?? assurda! Capisco gli animalisti, i vegani etc etc. Ma qui si parla di emozioni. TUTTI I NATI A ROMA almeno una volta nella vita (al 99% nell’infanzia) ha fatto un giro allo zoo di Roma con i proprio genitori. E hanno un ottimo ricordo (come tutti i ricordi legati alla tenerà età). Razionalmente magari molti sono contrari alla logica dello zoo… ma “emotivamente”? Purtroppo noi essere umani ci facciamo guidare molto spesso dall’istinto e dal subconscio. E per molti… il bioparco è sinonimo di infanzia felice. Di belle giornate. Non si puo’ toccare.E poi la cosa veramente “brutta” è stata la pubblicità su cartelloni esposti su moltissimi autobus dell’ATAC!!!!!! Conosco personalmente persone che hanno dichiarato di non voler più dare contributi monetari al movimento se questi soldi vengono poi spesi in affissioni su autobus e tram! E personalmente, vi dico, che per me è stata una sconfitta. Vedere quei cartelloni in stile Marini/Alemanno/Marchini pubblicizzare un candidato cinque stelle mi ha messo molta tristezza. Da sempre il movimento è contrario alle affissioni di qualsiasi genere. Sui muri, sulle case, sui bandoni, autobus, tram, metropolitane etc etc etc.
  4. La lista dei candidati municipali (in molti municipi) è stata poco chiara. Il fatto che, per esempio, persone come me (ricordo che posso votare per i candidati al parlamento, sindaco, presidenti vari etc etc) o perfino deputati e senatori non possono scegliere i propri portavoce locali è assurdo e priva di senso. Ho votato per le primarie del Sindaco ma non del candidato presidente del mio municipio! Ci sono delle regole astruse, contorte e piene di paranoie. In molti municipi ci sono state delle polemiche sulla realizzazione della lista. Ma non voglio entrare troppo in merito. Questi aspetti sono di pubblico dominio sul forum Romano del cinque stelle. Cmq tutta questa poca stabilità è chiarezza spiazza in prima battuta l’attivista e poi l’elettore medio.

Detto questo secondo il mio parere il movimento poteva fare di meglio. Non dico lo stesso risultato delle politiche (poco probabile), ma almeno un 5/6% in più credo di si. Infatti le previsioni erano quelle. Tra il 15% e il 20%. Invece neanche il 13%. Quindi il risultato è buono rispetto a 5 anni fa ma PESSIMO rispetto al bacino teorico di voti. Tra gli elettori che non si sentono rappresentati dalle macroforze politiche e con gli astenuti (il 50% dei Romani) il #m5s poteva fare sicuramente molto di più. Sbagliando s’impara (lo spero). Vediamo in futuro.

 

 


Roma come Reykjavik (aspetta e spera)

Mappa Geotermica

E’ Periodo di crisi, giusto?

Bisogna risparmiare il più possibile, giusto?

E allora perchè questa notizia del 2009 (ben 2 anni fa) è passata del tutto in sordina?

La scoperta L’ acqua ha una temperatura media di 20 gradi Franco Barberi: energia geotermica pulita, come nel Nord Europa

Il fiume segreto sotto il Tevere «Scalderà Roma»

Il percorso Ricostruito il percorso del fiume, più largo di centinaia di metri rispetto al corso del Tevere Gli scopritori «Ci aspettiamo l’ arrivo di partner industriali con cui sviluppare prototipi di impianto per sfruttare il fiume»

ROMA – «Il Tevere nasconde, sotto il suo letto, un enorme fiume profondo, completamente separato, che potrebbe essere utilizzato come sorgente di energia geotermica per riscaldare e rinfrescare gran parte dei condomini della capitale, con notevoli risparmi di combustibili e riduzione dell’ inquinamento». A stupirci con questa doppia notizia, geologica ed energetica, è Franco Barberi, un volto noto ai più perché è stato sottosegretario alla Protezione civile prima di Guido Bertolaso. Ma, per chi si occupa di scienze della Terra, Barberi è soprattutto il professore di geochimica, il vulcanologo, lo scienziato che per primo è riuscito a deviare una rovinosa colata di lava dall’ Etna. Tornato alla ricerca scientifica e all’ insegnamento presso l’ università di Roma Tre dopo la lunga parentesi al governo negli anni ‘ 90, Barberi, con la collaborazione della giovane moglie Maria Luisa Carapezza, geochimica all’ Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), e di altri ricercatori universitari, ha ricostruito con grande dettaglio il corso del fiume sotterraneo di Roma, effettuando prelievi e analisi attraverso più di 200 pozzi. «L’ acquifero si trova fra i 30 e i 60 metri sotto il Tevere ed è molto più largo del fiume superficiale, estendendosi per qualche centinaio di metri sia da un lato del corso che dall’ altro – spiega lo scienziato -. Ma non si pensi a una vera e propria cavità: il flusso d’ acqua sotterraneo scorre fra le ghiaie e le sabbie dell’ antico corso del Tevere, stretto, sopra e sotto, fra due strati di terreno impermeabile e quindi isolato rispetto alle acque di superficie». Come se non bastasse la curiosità geologica del fiume antico sotto a quello attuale, che Barberi e collaboratori descrivono in uno studio appena pubblicato («La geologia di Roma», a cura del professor Renato Funiciello), le indagini fisico-chimiche indicano che le acque sotterranee possono diventare una risorsa energetica: «Hanno una temperatura media di 20 gradi centigradi, pH neutro e non presentano contaminazioni. Insomma – spiegano Barberi e la Carapezza – presentano le caratteristiche di un fluido che, grazie a pompe di calore, può cedere il suo contenuto termico, provvedendo sia al riscaldamento invernale che al raffrescamento estivo». In passato, aggiungono i due studiosi, sembrava che fosse conveniente sfruttare solo le risorse geotermiche ad alta temperatura, come quelle presenti nella regione Toscana, a Larderello, dove i fluidi sotterranei superano i cento gradi. Ma ora, in molti Paesi dell’ Europa centro settentrionale si sta creando un grande mercato dell’ energia geotermica pulita e a basso costo, sfruttando proprio acquiferi a temperature anche sotto i 20 gradi: «In Svezia, il Paese con la crescita più sbalorditiva di questi impianti, vengono installate ogni anno oltre 50 mila pompe di calore geotermico che già provvedono ai bisogni di diverse centinaia di migliaia di abitazioni – assicurano Barberi e la Carapezza -. A Roma, come pure in molte altre città italiane caratterizzate da un substrato geologico caldo, che trasferisce energia agli acquiferi profondi, sarebbe estremamente facile e conveniente estrarre i liquidi geotermici, convogliarli ai condomini e, dopo lo sfruttamento attraverso le pompe di calore, iniettarli nuovamente nell’ acquifero per non farlo esaurire». Finora le ricerche di Barberi e collaboratori hanno ricevuto i finanziamenti del ministero della Pubblica istruzione, dell’ Ingv e dell’ università Roma Tre: «Ora ci aspettiamo l’ arrivo di partner industriali con cui sviluppare alcuni prototipi di impianto, per valutarne funzionamento e rendimento». «Sono convinto che Roma, come Reykjavik, la capitale dell’ Islanda, potrebbe raggiungere la pressoché totale indipendenza energetica dagli idrocarburi, grazie allo sfruttamento dell’ energia del sottosuolo, diventando la capitale più pulita d’ Europa – conclude il professor Enzo Boschi, presidente dell’ Ingv, che appoggia con convinzione l’ iniziativa di Barberi -. Non vorrei sembrare eccessivamente ottimista ma, data la relativa semplicità degli impianti, già in dieci anni si potrebbe disegnare il nuovo volto energetico della capitale». Franco Foresta Martin

Foresta Martin Franco

I scienziati aspettano e sperano ancore negli investimenti di privati. Campa cavallo che l’erba cresce! I privati investono solo per lucrare! E dove sarebbe il lucro nel produrre energia pulita e indipendente dal  petrolio? Qui in Italia invece di pensare a SVENDERE i beni dello stato al primo offerente si dovrebbe pensare per una volta tanto a fare qualcosa in favore della collettività!! Investire nella ricerca e nei beni e servizi comuni. Questo servirebbe! Altro che privatizzazioni! Bisognerebbe statalizzare con la forza aziende chiave di questa economia malata. A partire dalle autostrade (ma perchè devo pagare fior fiori di soldi di pedaggio per far ingrassare Briatore quando tutti quei soldi potrebbero entrare direttamente nelle casse dello stato??) Perchè dovrei pagare fior fiori di abbonamenti telefonici/adsl quando le linee fisicamente sono proprietà di un privato? Perchè dovrei pagare il pizzo di un euro su ogni bolletta pagata alla posta quando quell’euro non entra nella casse statali ma di un privato?

Ovviamente io non mi riferisco a tutte le attività commerciali. Per carità. Il libero mercato deve essere sempre presente. Ma i servizi, le concessioni, le vie di comunicazione e di collegamento…. dovrebbero tutte tornare allo stato.

Stesso discorso per l’energia. Creata, gestita e controllata dai cittadini, per i cittadini, a favore dei cittadini. Perchè l’amministrazione capitolina o regionale non dovrebbe investire in questo progetto interessante e un pò avventato?

Purtroppo tutti gli indici mondiali fanno riferimento al fantomatico PIL e mai al benessere reale  e gradi di soddisfazione dei cittadini.


Nel paese fondato sul lavoro…

Quarto Stato

 

Ci sono aziende che dichiarano 1464 esuberi nella più totale indifferenza e rassegnazione.

Povera Italia.


Vendesi Capitale al miglior offerente

Speculazione Edilizia

 

Sembra una barzelletta di cattivo gusto, un pò retrò.

Alemanno insieme alla sua giunta ha deciso di radere al suolo Tor Bella Monaca e di ricostruirla completamente. Un azione di “Mussoliniana” memoria. Peccato che nel ventennio si sventrarono intere porzioni di città, si cancellarono quartieri, borghi, chiese, monumenti medievali e rinascimentali per uno scopo, discutibile, ma comunque più serio rispetto a quello odierno. All’epoca si voleva dare risalto alla Roma Imperiale e “Fascistizzarla” il più possibile. Ora si vuole solo speculare. Tutto in nome del dio denaro. Tor Bella Monaca, ahimè, insieme ad altri quartieri periferici romani non è proprio il massimo per vivibilità, sicurezza,bellezza paesaggistica, viabilità e quant’altro. Ma almeno, vi prego, non peggiorate le cose! Con l’ennesima variante al piano regolatore l’attuale amministrazione capitolina vuole distruggere ben: 34 ettari di suolo agricolo!

Al posto di parchi, piste ciclabili, zone verdi, zone d’interesse culturale e di ritrovo giovanile, si preferisce costruire case e zone commerciali!

La “Nuova Tor Bella Monaca” occuperà ben 97 ettari (attualmente ne occupa 63) e avrà una grandezza volumetrica pari a 3 milioni e 520 metri cubi (ora ne conta 2 milioni). Praticamente crescerà di una volta e mezzo rispetto ad ora!

La popolazione passerà da 28 mila a 44 mila abitanti!

Come può, un quartiere, definirsi più vivibile rispetto alla situazione attuale se la sua densità di popolazione passerà dagli attuali 300 abitanti per ettaro ai futuri 440?? E’ letteralmente un ossimoro!!

Ma voi vi chiederete: PERCHE’ TUTTO QUESTO???

Ecco la risposta!

Un articolo di Paolo Berdini (urbanista e consigliere nazionale WWF), apparso sul Manifesto del 4 novembre 2010, ci svela l’agghiacciante retroscena di questa vicenda:

Riqualificazione? No: debiti pagati col cemento
di Paolo Berdini

Era apparso subito misterioso il motivo per cui il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, avesse deciso di realizzare case a bassa densità al posto del quartiere di Tor Bella Monaca, proprio ora che i comuni non hanno un soldo per fare alcunché. Ci sarà tempo per valutare nel merito il “piano direttore” presentato ieri alla città. Ma fin d’ora è possibile rendere chiari quali siano le motivazioni della estemporanea proposta.

Le motivazioni stanno nella deliberazione n. 3 del 5 ottobre 2009 presa dallo stesso sindaco Alemanno nella veste di Commissario straordinario di governo per il piano di rientro del comune di Roma. Come si ricorderà, nel primo periodo di vita della giunta di centrodestra ci fu una forte polemica riguardo l’ammontare del buco economico lasciato dall’amministrazione precedente: per questo il governo Berlusconi affidò poteri speciali al sindaco proprio per definire tempi e modalità di rientro.

La deliberazione in questione è un riconoscimento di debito nei confronti degli eredi Vaselli, famiglia di grandi proprietari terrieri. A seguito di espropri mai perfezionati proprio per la realizzazione di Tor Bella Monaca il comune fu chiamato in causa dai Vaselli e perse la prima causa civile. L’amministrazione presentò appello, ma avviò contemporaneamente procedure riservate per la chiusura bonaria del debito. Così nel 2007 – amministrazione Veltroni – furono stanziati quasi 76 milioni di euro per chiudere le controversie con i Vaselli ed una parte di essi furono pagati. Mancavano altri creditori e così il sindaco-commissario deliberava di pagare i restanti 55 milioni di euro: per capire di quale folle buco stiamo parlando, in un solo anno sono stati riconosciuti ai Vaselli 1.343.000 euro di interessi per ritardato pagamento!

Ecco perché durante la scorsa estate il sindaco ha avuto l’idea di “recuperare” Tor Bella Monaca. Se si demoliscono anche parzialmente le attuali abitazioni, occorrerà trovare terreni liberi per costruire quelle nuove. E, guarda caso, le aree libere intorno a Tor Bella Monaca sono di proprietà degli eredi Vaselli. Costruisco nuove case sui terreni dei creditori del comune e tutto finisce in gloria.

Una considerazioni finale. Da conteggi attendibili e rigorosi sembra che il debito contratto dal comune di Roma con la rapace proprietà dei suoli è stimato nell’ordine di 1,5 – 2 miliardi di euro. Se applichiamo il metodo Tor Bella Monaca, e cioè riconoscere cubature in cambio della cancellazione del debito, dovremmo costruire in ogni centimetro della città. Una follia.

Ma come mai, chiediamo, negli ininterrotti 15 anni di amministrazione di centrosinistra nessuno ha mai lanciato l’allarme su questa situazione inedita nel panorama europeo? Non se ne è accorta nemmeno l’Anci che con il presidente Leonardo Domenici non ha mai posto la questione con la dovuta forza, forse perché nella veste di sindaco di Firenze era troppo impegnato nelle trattative della peggiore urbanistica contrattata. Nessuno ha dunque fiatato e i comuni italiani sono stati lasciati in preda ai proprietari dei terreni. Non ci sono più leggi e i comuni che vogliono fare qualsiasi opera pubblica sono costretti a regalare milioni di metri cubi di cemento. E’ così anche nell’ultimo caso della Formula 1 da svolgersi all’Eur. Il tanto mitizzato privato non ci mette un soldo: è il comune che paga l’operazione vendendo aree pubbliche che ospiteranno una nuova colata di cemento. Sono anni che il manifesto lo denuncia con forza ma il palazzo fa finta di nulla, impegnato a discutere d’altro. Come il finto recupero di Tor Bella Monaca.Finto perché i documenti consegnati ieri dicono che ai privati verranno “regalati” 1.500.000 metri cubi di cemento e che la densità abitativa passerà dagli attuali 300 abitanti ettaro a 440: una mostruosa speculazione edilizia. Come alla Magliana o viale Marconi. Altro che villette!

Povera città eterna!  Giocata e persa  in un poker tra le istituzioni e gli speculatori privati! Quanta pena e quanta tristezza!!

CBMAN


Ad un tratto il 2007

Volevo fare un post serio e “corposo”.

Volevo ricordare la figura di Piergiorgio Welby un eroe civile moderno.

Volevo ricordare Saddam Hussein un dittatore (uno dei tanti!) che ha pagato un pò per tutti.

Volevo ricordare l’uomo dell’anno secondo la rivista TIME: TUTTI VOI! Cito: ” Come ogni anno, la prestigiosa rivista Time ha eletto la persona dell’anno per il 2006 che, contrariamente ad ogni aspettativa, ha visto trionfare “le istituzioni e cittadini della nuova democrazia digitale”.

Il riconoscimento, secondo il Time, “va a tutti noi” perchè “se scegli un individuo, deve giustificare in che modo quella persona influisce su milioni di altre persone. Ma se scegli milioni di persone, non devi giustificare nulla”.

“Per aver preso le redini dei media globali, per aver fondato e aver dato forma alla nuova democrazia digitale, per aver lavorato gratis e aver battuto i professionisti al loro stesso gioco, la Persona dell’Anno 2006 di Time siete voi”

Volevo ricordare i mondiali di calcio vinti dalla Nostra Mitica Nazionale Di Calcio a luglio 2006.

Volevo ricordare il governo Prodi eletto dai cittadini Italiani dopo 5 anni di Berlusconismo.

Volevo ricordare il nuovo Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.

Volevo ricordare TUTTI i cittadini Italiani che a giugno hanno rifiutato il Premierato e la Devolution.

Volevo ricordare moltissime altre cose……

Ma mi son detto: E’ il 31 dicembre 2006!!! Tra qualche ora è Capodanno!!! DEVO FESTEGGIARE!

Sperando in un buon 2007 vi regalo questa cronologia dettagliata di tutti gli eventi principali accaduti nel 2006: ANNO 2006


Notizie Ignorate Dai Media.

Posted on 5 dicembre 2006 by CBMAN.
Categories: blog.bonzo.it, Cultura, estero, Guerra, MassMedia, Messico, news, Politica, Solidarietà, Video.

Oaxaca Maps

Per prima cosa vorrei chiedere ulteriormente scusa per i notevoli ritardi nei post. Ma ho qualche problema di organizzazione del tempo e di gestione dei video. A proposito, date un occhiata qui: http://one.revver.com/find/user/CBMAN.

Torniamo a noi:

C’è  una bellissima novità  per tutti voi!! Blog Bonzo It ha il suo primo “inviato ufficiale”.

Il suo nome è Riccardo, è un 24 enne di Frascati (Provincia di Roma) laureato in Scienze Politiche. Riccardo in questo periodo si trova in Messico come volontario “No Profit” in un associazione laica di beneficenza. Lui è partito per il Messico tranquillamente avendo impresso in mente i stereotipi della “siesta”, di “Puerto Escondito”, del “bel mare con dei bellissimi villaggi turistici”, insomma…. credendo di andare ad aiutare una Nazione povera ma “pacifica”.

E invece???

Non crede ai suoi occhi!! Una grande parte del paese vive una situazione che sfiora la guerra civile!!! Sopratutto nella Zona di Oaxaca (questa situazione è diffusa in tutto il sud del paese).

Questo blog vuole dare voce a queste notizie che vengono ignorate da TUTTI i media.

Vi copierò e incollerò le e-mail che Riccardo invierà  verso la nostra amata Italia, verso i suoi parenti ed amici.

Questa è la sua prima e-mail:

….”La violenza e la repressione non si fermano a Oaxaca! Io sono tornato oggi da puerto escondido dove ho lavorato in un laboratorio su diritti umani con leader comunitari di comunità indigene e campesine… una esperienza incredibile!!Mi ha arricchito moltissimo!!! Spiegare a persone che non sanno ne leggere ne scrivere il concetto di diritto o cos’è il modello neo-liberale di sviluppo non è semplice…però mi sono trovato davanti un desiderio incredibile di sapere cosa sta succedendo nel mondo… e perchè gli vengono espropriate le terre … e perchè ricevono minacce quotidiane…appena posso vi scrivo su questa esperienza indimenticabile!!!
Intanto a Oaxaca la repressione non conosce tregua oggi è arrivato l’esercito 1800 uomini, la polizia va pattugliando tutta la città , una centinaio i desaparecidos, sparatorie libere ormai in molte parti della città. Perfino giornalisti e fotografi vengono aggrediti, stanno giocando un gioco molto sporco. durante le aggressioni di sabato la polizia vestita da medico attendeva i feriti fuori dall’ospedale per poi detenerli senza neanche dargli le cure mediche appropriate. Un nostro amico è agli arresti domiciliari così come il direttore dell’organizzazione dove lavoro. Ieri hanno seguito fino a casa una compagna del collettivo, non è paranoia ma stanno facendo piazza pulita. Casa nostra è sotto controllo, abbiamo levato tutti i documenti che avevamo che potessero indicare qualsiasi tipo di simpatia per il movimento. Ieri è sparita anche una rappresentante della commissione statale di diritti umani di Oaxaca. Noi come collettivo stiamo vagliando la possibilità  di andare a città del Messico per qualche giorno fino a quando la situazione non si calma. Ieri sparavano sulla folla con i silenziatori. Per quanto riguarda gli atti di vandalismo nel centro storico stanno giocando lo stesso gioco che hanno giocato a Genova la polizia andava mettendo molotov , incendiando sparando gas all’interno degli edifici in tutto il centro.
Hanno chiamato sulla radio pro governatore a occupare e incendiare gli uffici della ong dove lavoro. Si’ stiamo un po’ con le pezze … tra stasera e domani provo raccogliere e ordinare i fatti successi in questi giorni e ve li invio . Non vi nascondo che sono un po’ allarmato però vediamo nei prossimi giorni come va la situazione. Vi tengo informati.
hasta pronto

ric”…..

Alla prossima!

CBMAN


Lo studio delle cellule staminali

Posted on 10 novembre 2006 by CBMAN.
Categories: Curiosità, estero, Medicina, news, Politica, Religione, Rosa Nel Pugno, scienza, Solidarietà, staminali.

Premessa: Non sono un esperto del settore.

Ma leggo molto. E ultimamente leggo, spesso, questi titoli:

La scienza sta facendo passi da gigante. Già  il concetto di creare un vaccino che PREVIENE il tumore ai polmoni è qualcosa che mi rende fiero di appartenere al Genere Umano.

Finalmente MILIONI di tabagisti non si sentiranno più dire: NON FUMARE!! CHE IL FUMO GENERA, SPESSO, IL TUMORE AI POLMONI!(ma anche altrove, per la precisione). In futuro, spero, i bambini saranno vaccinati contro il tumore dei polmoni(e contro altri tumori) e avranno la certezza matematica che nell’arco della loro vita non saranno mai afflitti da questa malattia orrenda. Mi emoziono solo al pensiero di quanta libertà  verrà  creata grazie a questa sperimentazione. Le persone saranno molto più libere di scegliere se fumare o non fumare sigarette, per esempio. Alcuni di voi mi faranno notare: Ma il fumo crea anche danni al cuore e al sistema circolatorio! E quale è il problema?? Con le cellule staminali si sta sperimentando un terapia che cura IMMEDIATAMENTE i danni creati da un infarto! Anzi, cura i danni e previene QUALSIASI INFARTO FUTURO! Sicuramente tra breve uscirà  fuori la notizia di un vaccino che previene gli infarti!

Mia nonna materna è diabetica. E come molte persone afflitte da questa malattia soffre di Retinopatia Diabetica. Ha gravi problemi alla vista e inoltre ha subito diversi interventi laser (molto costosi) e una volta l’anno deve effettuare una fluorangiografia (un esame molto fastidioso). Benissimo!! Oltre a curare del tutto il diabete le staminali possono curare tranquillamente la retinopatia!!!!

Un’altro esempio?

Mio nonno materno nel giugno del 2003 è morto per un Glioblastoma Multiforme. In poco più di 2 mesi se ne è andato via tra umilianti sofferenze (Semi paralisi, afonia, astenia, completamente dipendente dai famigliari.) Il Glioblastoma Multiforme è uno dei tumori più violenti e celeri che colpiscono il cervello. Ogni anno SOLAMENTE IN ITALIA colpisce 7000 persone. In pratica 7000 morti. Anche molti bambini muoiono per questa malattia. Benissimo!! Una recente sperimentazione riguardante anche le staminali ha fatto completamente guarire il 60% dei topi di laboratorio affetti da questa malattia. Tra breve inizierà la sperimentazione sul genere umano.

Un ulteriore esempio???

La Distrofia Muscolare è una malattia che colpisce un bambino su 3300 nati in tutto il mondo. Quindi milioni di casi in tutto il mondo! Milioni di persone che si ritrovano fin dalla tenera età  completamente paralizzati e destinati ad una morte precoce e certa. Una piaga biblica devastante! Benissimo!!! Grazie allo studio delle cellule staminali i ricercatori hanno trovato una procedura per rigenerare le fibre muscolari. Quindi, prossimamente: ADDIO DISTROFIA!

Gli esempi sono praticamente infiniti.

Quindi, io mi domando e dico: Lo studio delle cellule staminali (Embrionali, semi adulte, adulte, da cordone ombelicale etc.etc.) dona alla scienza, alla medicina e a tutta l’umanità  la possibile e probabile soluzione a moltissimi problemi attualmente non risolvibili, giusto?

Perchè, allora, le varie chiese (sopratutto cattolica), religioni, nazioni bigotte e anacronistiche (sopratutto l’Italia), associazioni varie etc etc, lottano con tanta forza e volontà  per contrastare lo studio di queste importanti cellule?

La scusa più di moda è dire: E’ peccato utilizzare embrioni umani, da cui ricavare le cellule staminali, per fare questi esperimenti.

Allora una serie di altre domande vengono generate dal mio cervello:

  1. E’ un peccato cercare di evitare che milioni di persone vivano paralizzate per un intera vita su una sedia rotelle e/o bloccate su un letto per poi morire con molta sofferenza?
  2. E’ un peccato cercare di evitare che moltissimi bambini e adulti muoiano tra atroci sofferenze e umiliazioni per colpa di un maledetto Glioblastoma Multiforme?
  3. E’ un peccato cercare di aiutare milioni di persone a guarire da una malattia orrenda e fastidiosa come il diabete?
  4. E’ un peccato cercare di ridonare la vista a moltissime persone che soffrono di Retinopatia?
  5. E’ un peccato evitare milioni di morti causati dal tumore ai polmoni?

Oltre che da decenni in Italia esiste l’aborto (quindi, nell’aborto muore un feto e non un embrione! cosa molto diversa) vorrei sapere dal clero perchè quando un bambino muore, poverino, al nono mese di gestazione non merita ne il battesimo, ne una funzione religiosa, ne il paradiso (i bambini morti senza battesimo vanno nel limbo!! a quel punto meglio l’inferno!) NULLA!

Non vengono considerati come gli altri essere umani!

PERCHE’ ?

E si rompe tanto l’anima con gli embrioni??????(che sono composti da pochissime cellule!)

Queste incongruenze mi creano disagio e rabbia.

Le cellule staminali ricavate dagli embrioni sono le migliori cellule staminali per fare esperimenti! Perché complicarsi la vita e non donare la speranza a milioni di persone VIVE e PENSANTI solo per salvaguardare un mucchio di cellule embrionali?

Perchè tutta questa chiusura mentale? Perchè, per esempio, a Verona non si può donare il cordone ombelicale e in Repubblica Ceca si riescono a portare avanti studi per trovare il vaccino contro il Tumore Polmonare????

Perchè non viviamo in uno stato, in un un contesto, completamente laico e razionale?

Vorrei chiudere questo mio post citando due passi tratti dal Vangelo Apocrifo dell’ Apostolo Didimo Giuda Tomaso (Forse il più antico dei Vangeli, e quindi più vicino al pensiero “Cristiano” originario):

  • Gesù disse: “Colui che cerca non desista dal cercare fino a quando non avrà  trovato; quando avrà  trovato si stupirà. Quando si sarà  stupito, si turberà  e dominerà  su tutto”.
  • Gesù disse: “Conosci ciò che ti sta davanti , e ti si manifesterà  ciò che ti è nascosto. Giacchè non vi è nulla di nascosto che non sarà  manifestato.”

Sembrano esortazioni allo studio e alla ricerca. Tutto è “ancora da scoprire”. L’uomo deve cercare in tutti i modi di capire come “funziona” il mondo fisico per avere qualche possibilità  di conoscere ciò che è legato allo spirito.

Forse, ironicamente, saranno gli scienziati e i ricercatori i veri portatori del “verbo” Cristiano originario?????

CBMAN

ps: (Scusate i ritardi nei miei post, ma sono molto impegnato con la creazione dell’altro sito).


Rapporto 41

E=MC²

Purtroppo l’Energia è un grande problema per tutte le nazioni del mondo.

E’ un problema come generare energia, come reperirla, come conservarla, come distribuirla senza disperdere nulla.

Inoltre, è un grande problema anche come generare, reperire, conservare e distribuire Energia senza inquinare il nostro pianeta.

La popolazione mondiale ha sempre più fame di Energia. Più consuma energia e più inquina e uccide il suo ecosistema. E’ un circolo mortale che deve essere spezzato.

Purtroppo, attualmente, tutta l’energia prodotta nel mondo deriva per l’80% da combustibile fossile(carbone e petrolio), per il 19% da Energia Nucleare “di vecchia generazione”, e solo l’1% da energia ecosostenibile/rinnovabile.

Attualmente chi possiede e/o distribuisce combustibile fossile ha il potere assoluto sul mondo intero.

Per esempio, in nome del petrolio si combattono guerre, in nome del gas fossile si offendono Nazioni e Popoli (Vorrei ricordare a Putin e al popolo Russo che la Russia ha uno dei più alti tassi di alcolisti e di “cornuti” di tutto il globo!!! Gli uomini bevono Vodka, e le donne si divertono con i turisti/stranieri… sopratutto ITALIANI!).

I popoli che non vogliono commerciare solo in petrolio e affini(anche perchè sanno che prima o poi finirà) cercano in tutti i modi di utilizzare Energia Nucleare di “vecchia generazione” (Leggi: Iran). Ovviamente queste popolazioni sono contrastate da chi detiene la “supremazia energetica” attuale (Leggi: USA in prima fila…).

C’è un modo per spezzare questo circolo vizioso e pericoloso????

Ovviamente si.

Ma viene contrastato continuamente da chi ha il “potere”.

Le fonti rinnovabili ed ecosostenibili sono molteplici, economiche e sicure. Ma creano “pochi profitti”.

Tralasciando l’energia fotovoltaica, fototermica, eolica, geotermica, derivante da ecocombustibili come Olio di Colza e Olio di Canapa, derivante dall’Idrogeno, dall’aria compressa, dal campo magnetico terrestre etc. etc. vorrei segnalarvi un Energia che teoricamente(volutamente bloccata in forma Teorica!!), potrebbe soddisfare il bisogno mondiale praticamente per l’ETERNITA’!!!! Tutto questo con un impatto ambientale pari a ZERO!!!!!!

LA FUSIONE FREDDA.

Cosa è la fusione fredda??

Ecco come viene definita su WikiPedia: …” La fusione nucleare fredda, detta comunemente fusione fredda (in inglese “Cold Fusion” (CF), “Low Energy Nuclear Reactions” (LENR) o Chemically Assisted Nuclear Reactions” (CANR) ), è un nome generico attribuito a reazioni di fusione nucleare che avvengono a temperatura relativamente bassa, invece che ai milioni di kelvin normalmente necessari“….. (Se vuoi leggere tutto l’articolo su wikipedia clicca qui: Fusione Fredda Wikipedia).

Ma andiamo nel dettaglio(tratto da http://www.cosediscienza.it):

….”Il 23 marzo 1989 due chimici, l’ inglese Martin Fleischmann e l’americano Stanley Ponds, convocarono una conferenza stampa presso l’Università di Utah (USA) per comunicare al mondo intero di aver fatto una scoperta che avrebbe cambiato il destino dell’umanità affrancandola definitivamente dalla ricerca di fonti energetiche alternative. I due scienziati in quell’occasione sostennero di essere riusciti a ricavare energia attraverso le stesse reazioni che avvengono all’interno del Sole ma senza dover ricorrere alle alte temperature e pressioni colà esistenti: essi, in altre parole, dichiararono di essere riusciti ad ottenere quella che ormai tutti conoscono come Fusione Fredda.

Di cosa si trattava esattamente? La fusione è una reazione di tipo fisico, cioè una trasformazione profonda della materia che coinvolge i nuclei degli atomi, allo stesso modo della fissione nucleare, con la differenza che mentre con la fissione (dal latino findere = spaccare) si rompono nuclei di atomi pesanti, con la fusione (dal latino fundere = unire) si aggregano nuclei di atomi leggeri. In entrambi i casi dal processo si ottiene energia in grande quantità grazie al cosiddetto difetto di massa: dopo la reazione, la massa dei nuovi nuclei non  è uguale a quella dei nuclei di partenza, ma un po’ inferiore. Quello che manca si è convertito in energia, come stabilisce la famosissima equazione di Einstein: E=mc², dove E è l’energia, m la massa e c² è la velocità della luce al quadrato. La presenza nella formula di un numero grandissimo e fisso, qual è la velocità della luce al quadrato, suggerisce che  è sufficiente che una piccolissima quantità di materia scompaia perchè si ottenga al suo posto una grandissima quantità di energia. Vi è però una differenza di ordine pratico fra i due processi nucleari di cui si è detto: mentre si riesce a controllare il processo di fissione nei cosiddetti reattori nucleari delle numerose centrali, fra le quali è diventata tragicamente famosa quella di Chernobyl, non si riesce a controllare la fusione, di cui si conosce il processo solo in forma esplosiva: la temibilissima bomba H.

Ma perchè non si riesce a controllare anche il processo di fusione?

Il motivo è semplice: per ottenere la fusione bisogna fare in modo che due nuclei, ad esempio quelli dell’ atomo di idrogeno, si avvicinino fino a venire quasi a contatto: solo allora infatti la forza nucleare che è di tipo attrattivo avrebbe la meglio su quella elettrostatica che è di tipo repulsivo, perchè generata da due corpuscoli entrambi con carica elettrica positiva. Avvicinare i due nuclei dell’ idrogeno in modo che vengano a contatto non è comunque per niente facile. Un sistema potrebbe essere quello di fornire loro energia sotto forma di calore: si sa che la temperatura di un corpo è la misura dell’ energia cinetica dei suoi costituenti e quindi più esso è caldo maggiore è  l’ agitazione delle sue particelle. Pertanto, per provocare lo scontro, si potrebbero scaldare i nuclei dell’ idrogeno: l’energia che uscirebbe dalla fusione di alcuni di essi servirebbe ad alzare ulteriormente la temperatura e il processo non avrebbe più fine fino a quando non si fosse esaurito tutto l’idrogeno di partenza. Le temperature da raggiungere sarebbero però così elevate che nessun materiale sopporterebbe simili condizioni: il primo grosso problema sarebbe quindi quello di trovare il recipiente adatto entro il quale produrre la reazione.

[CUT]…

La notizia ebbe l’ effetto di un fulmine a ciel sereno e in un battibaleno fece il giro del mondo. Essa fra l’ altro rappresentava la rivalsa della chimica “puzzolente” e inquinante sulla fisica pulita e produttiva, ma la maggior parte degli scienziati si dimostrò subito piuttosto scettica di fronte a questo avvenimento anche perchè da molti anni, la comunità scientifica era impegnata nella ricerca della fusione calda, ossia verso un obiettivo diametralmente opposto a quello indicato dai due chimici.

Lo scetticismo diffuso nell’ambiente dei fisici in parte era dovuto ad un certo pregiudizio nei riguardi dei chimici che avevano invaso un campo non di loro pertinenza e in parte al modo in cui la notizia era stata data. I due scienziati spiegarono infatti la loro scoperta in termini non troppo rigorosi tanto che i dubbi sulla effettiva riuscita dell’sperimento erano molti.”…….

Quindi, la fusione fredda, è (con termini “popolari e da profano”) “ricreare l’energia del sole in un ambiente sicuro, controllato e freddo”. Avere la potenza del sole in tasca. Senza pericoli, senza inquinamento e radiazioni, senza pericolo di esplosioni e nuove “Chernobyl”.

Ma questa scoperta del 1989, tramutata poi in “teoria”, è stata sempre “rinnegata” dal mondo Scientifico e “ufficiale” mondiale.

Perchè?

Per due motivi:

1) Un energia illimitata(o praticamente illimitata) ha un valore commerciale pari allo 0.

2) Molte persone perderebbero soldi, fama e potere.(Leggi: Petrolieri, Scienziati di “vecchia concezione, USA etc. etc.)

Ma perchè questo articolo s’intitola Rapporto 41??

Rapporto 41 è il nome di un documento scritto nel 2002 dal CNR ENEA(Ente per le Nuove Tecnologie, l’energia e l’ambiente) di Frascati in provincia di Roma.

Dal 1999 al 2002 un gruppo di lavoro, capitanato dal Premio Nobel Carlo Rubbia, ha lavorato nel cnr di Frascati al progetto “Fusione Fredda”. Il loro risultato è stato SUPERLATIVO!!!!

SONO RIUSCITI A PROVARE LA FATTIBILITA’ (E QUINDI A METTERE IN PRATICA LA “TEORIA”) DELLA FUSIONE FREDDA!

Ora mi direte… Ma come??? io non l’ho mai sentito!!!

Già. Esatto. Nessuno ne ha parlato semplicemente perchè lo stesso mondo scientifico HA VOLUTO IGNORARE QUESTA SPERIMENTAZIONE!

Vi segnalo una bellissima inchiesta effettuata da Rai News 24 intitolata:“Rapporto quarantuno” – Fisica e Metafisica di una rivoluzione scientifica scomparsa.

In questa breve inchiesta (circa 18 minuti) viene riassunto il lavoro svolto da Carlo Rubbia e la sua equipe e viene raccontato che fine ha fatto il famoso “Rapporto 41”.

Per visionare il documentario sul vostro PC vi consiglio di visitare il sito di Rai News 24, e in particolar modo la sezione delle Inchieste.

Per visionare il documentario sulla vostra TV vi consiglio di sintonizzare Rai News 24 utilizzando un semplice decoder digitale satellitare “free to air” o in alternativa uno SkyBox. Ecco i dati:

Posizione Orbitale Hotbird 13° (Hotbird II)

Symbol rate 27.5 Msym/s

Frequenza 11765.84 Mhz

FEC 2/3

PRC 8190

Sullo SkyBox il canale da utilizzare è: 506

Vi consiglio, se siete interessati all’argomento, di visitare anche questo articolo: Fusione Fredda su Disinformazione.

In tv e sui giornali si parla molto di tante cose (Finanziaria 2007, TFR etc. etc.) ma spesso le cose più importanti sono quelle che rimangono nell’oscurità  mediatica.

CBMAN

 

 

 


Religione o Business ???

Testimoni di Geova

Tempo fa, dopo una animata discussione con una credente Testimone di Geova che affermava(e molto probabilmente afferma) che un giorno Geova uscirà  fuori con una “grande mano” e fermerà  la naturale e scientificamente provata implosione del nostro sole(e quindi la totale distruzione del pianeta Terra), scrissi con l’aiuto di un amico un piccolo ma interessante documento che trattava, criticamente, il fenomeno dei Testimoni di Geova.

Oggi, per puro caso, navigando in rete ho trovato un sito veramente interessante: http://www.infotdgeova.it/

E’ un sito gestito da un Ex Testimone di Geova che mi ha fatto tornare la classica “pulce all’orecchio”.

Consigliandovi la lettura di questo interessante sito (è molto vasto e dettagliato) vi regalo due cose: Vi copio e incollo il documento scritto da me e dal mio amico Mr.Blues intitolato TUTTO CIO’ CHE SAI DI LORO E’ FALSO!!! – FINALMENTE TUTTA LA CONTROVERSA VERITA’ SUL FENOMENO “TESTIMONI DI GEOVA” – RELIGIONE O… BU$INE$$ ?!?! E poi, alla fine del documento, troverete due lettori multimediali per ascoltare la prima e seconda parte di un intervista radiofonica ad Achille Lorenzi (Titolare del sito http://www.infotdgeova.it/ ).

Buona Lettura e Buon Ascolto.

“…..I Testimoni di Geova sono un movimento millenaristico fondato nel 1872 negli Stati Uniti da Charles Russel, un pastore avventista dissidente, che prima ancora era stato presbiteriano e che di professione faceva il commerciante. Era conosciuto coi nomi di “Uomini dell’aurora millenaria” o “chialisti”, “Studenti internazionali della Bibbia”, “Russeliti”. All’inizio si rivolgevano prevalentemente agli studenti, in seguito anche agli immigrati, agli emarginati, alle minoranze di colore, sfruttando i loro sentimenti di ribellione. Nato nel 1852 in una facoltosa famiglia della Pennsylvania, Russel divenne molto popolare quando cominciò a predicare in tutte le contee degli Stati Uniti. La prima setta la fondò nel 1878. Nel 1914 le diede il nome di “Studenti della Bibbia”. Nel 1884 fondò una società per azioni, la Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania, di cui aveva la maggioranza delle azioni ed era presidente a vita. Fu un abile affarista: ad es. vendeva ai ceti meno abbienti il grano, che vantava come miracoloso, ad un prezzo 60 volte superiore al suo valore. Inoltre faceva pressione sugli ammalati per carpire i loro beni ed era spacciatore di medicinali miracolosi. Giurò falsamente di conoscere latino, greco ed ebraico per dimostrare l’esattezza della sua interpretazione biblica. In realtà  non aveva alcuna competenza teologica, ne storico-filologica. Semplicemente egli si sforzava di chiarire il senso dei testi biblici (soprattutto le profezie e l’Apocalisse) accostando i passi più diversi, cercando di spiegare gli uni con l’aiuto degli altri. Fu il tema della “fine del mondo”, su cui centrò la sua predicazione, che lo indusse a uscire dai presbiteriani e ad accostarsi agli avventisti. E tentò di rinchiudere in manicomio la moglie, cui negò gli alimenti prescritti dalla sentenza di divorzio che lei aveva chiesto, lasciandola morire di stenti.

Il suo giornale ufficiale era ed è ancora oggi La Torre di Guardia, nato nel 1879. Russel rimase il leader indiscusso della setta sino al 1916, anno della sua morte. Profetizzò la fine della “perversione” del mondo per il 1874, poi per il 1914 e infine per il 1918. Ma già con il fallimento delle predizioni millenaristiche relative al 1914, il movimento subì un collasso, da cui si riprese solo nel 1925, allorchè il successore di Russel, il giudice Joseph Rutherford prese in mano l’organizzazione, la ribattezzò nel 1931 col nome che ha ancora oggi e la diffuse in tutto il mondo. (Jehowah o, in italiano, Geova è la pronuncia errata del tetragramma JHWH, le cui consonanti venivano vocalizzate dagli ebrei con Jahweh o anche con lo stesso Jehowah, per esigenze di tabù rituale, essendo il nome di Jahweh impronunciabile).

Rutherford non aveva il carisma di Russel, ma seppe accentuare l’aspetto amministrativo della setta sul modello delle grandi imprese industriali, con gerarchia piramidale e soprattutto con la formazione intensa dei “proclamatori”, il personale dedito al proselitismo. L’entusiasmo iniziale venne sostituito dalla efficienza burocratica e manageriale della propaganda. Egli abolì il natale, la pasqua e il simbolo della croce. Rutherford modificò alquanto l’interpretazione escatologica di Russel. Secondo questi infatti l’anno 1914 avrebbe segnato la distruzione della cristianità , la glorificazione in cielo della vera chiesa e l’instaurazione del regno di Geova. Oggi invece, dopo le ritrattazioni e rettifiche di Rutherford, il 1914 viene indicato come l’anno del ritorno invisibile di Cristo sulla terra e l’inizio del “periodo della fine”. Previde per il 1930 l’inizio di un’era idilliaca per l’umanità . Rutherford morì nel 1942 in California, in una villa sontuosa che aveva fatto costruire per ospitare Abramo, Isacco e Giacobbe che, secondo una sua profezia, sarebbero dovuti resuscitare nel 1925 per mettersi a capo dell’umanità . Naturalmente Rutherford non credeva in quello che diceva, lo faceva solo per tenere più unito il suo movimento e per poter speculare finanziariamente.

Su questa linea hanno continuato anche i successori di Rutherford, Knorr e Franz, precisando ruoli gerarchici e possibilità  di carriera nell’organizzazione capillare, esasperando i controlli e le responsabilità  gerarchiche. Organizzazione e funzionalità  oggi prevalgono su qualsiasi forma di umana solidarietà . Ancora oggi il carisma religioso è gestito con i criteri di una società  d’affari: si veda ad es. l’uso massiccio per la propaganda di ogni mezzo comunicativo, compresi il cinema (già  dal 1894), la tv, i processi, le polemiche socio-religiose in America, Canada e in ogni parte del mondo.

Nel periodo fra le due guerre mondiali il movimento si diffuse in Europa occidentale: prima in Germania, ove vennero duramente perseguitati dal nazismo, poi negli altri paesi. Nello stesso periodo furono messi fuori legge anche da Australia e Nuova Zelanda.

Nel 1942 divenne presidente della setta Nathan Knorr che impose come attività  principale la predicazione a domicilio, fece fare una traduzione della Bibbia manomettendola in più parti, introdusse il divieto delle trasfusioni e fondò la sede centrale del movimento a New York, nel quartiere di Brooklyn, dandole una strutturazione oligarchica, con il “Corpo direttivo”. Previde anche lui la fine del mondo per il 1975 e morì un anno dopo.

Il movimento subì delle forti crisi nel 1975 e nel 1986, allorchè le due più recenti attese della restaurazione finale, quella di Knorr e quella di Franz, risultarono di nuovo vane, scocertando i fedeli. Tuttavia, dopo il fallimento delle previsioni e il breve periodo di delusione generale, si è avuto un riesame dei testi su cui ci si era basati e una loro reinterpretazione in senso lato, con la conseguente affermazione che qualche cosa era effettivamente accaduto, benchè in maniera invisibile. Di qui la decisione di riprendere alcuni aspetti della predicazione fallita, inserendoli in un nuovo schema profetico che puntasse sempre l’attenzione sulle catastrofi e sulle crisi, al fine di dimostrare che la setta ha pienamente ragione quando dice che la fine del mondo è vicina. Oggi non si indica più alcuna data precisa per tale restaurazione, che però viene sempre considerata come imminente e sempre collegata con catastrofi naturali, con la miscredenza e la criminalità .

Dai geovisti si sono separati due gruppi, quello svizzero di A. Freytag nel 1920, che concepisce la “terra rinnovata” come un’indefessa opera di rimboschimento e di lotta contro l’egoismo; e nel 1947 quello francese di B. Sayerce, un insegnante elementare nelle province basche.

Nella vita professionale i geovisti si fanno ammirare per la loro serietà  e onestà , anche se rifiutano impegni troppo gravosi, che impediscano il volontariato, la vita religiosa, la propaganda, le riunioni assembleari. Rifiutano il consumismo ostentato, il lusso, la moda, pur senza sostenere l’ascetismo religioso. Si isolano da parenti e conoscenti che non accettano di convertirsi. Leggono poche riviste e pochissimo i giornali, eccetto quelli della Torre di Guardia, accolti senza alcun senso critico. Dubbio e ricerca sono aboliti. Tv e musica moderna ostracizzati. Chi diserta le riunioni viene espulso. Religiosità  e preghiere sono molto stereotipati. Si considerano eletti perchè perseguitati, ma di questo si vantano.

Rivendicano una posizione di assoluto distacco dalle chiese cattoliche e protestanti: sono cioè antiecumenici ed elitari, in quanto pretendono di essere l’unica organizzazione di salvezza voluta da dio, e l’unica dispensatrice di verità  nel campo religioso. Infatti alla fine del mondo solo i geovisti si salveranno: i profani, finchè non diventano fedeli, vengono considerati sotto l’influenza di Satana.

Il totalitarismo assoluto nelle sfere di comando è stato rivelato per la prima volta da R. Franz, uno dei massimi dirigenti dei geovisti e nipote dell’attuale presidente mondiale. Egli ha scritto un libro di 515 pagine, Crisi di coscienza, in cui denuncia i metodi autoritari delle imputazioni giudiziarie per dei semplici dubbi, le inquisizioni minuziose, gli interrogatori interminabili, le occulte registrazioni di conversazioni e di telefonate, i processi a porte chiuse senza alcuna difesa da parte degli inquisiti, le condanne e le scomuniche per soli sospetti o per qualche critica, i condannati presentati come criminali e indemoniati.

L’ideologia geovista

L’aspetto predominante della loro dottrina è la predicazione del regno di dio, al fine di riportare la terra alle condizioni paradisiache dell’Eden. I geovisti predicano una dottrina profetica ed escatologica: ad es. dall’anno 607 a.C. (fine del regno d’Israele) Dio non sarebbe più stato rappresentato sulla terra. Ma con il 1914 saremmo entrati nell’ultimo periodo della storia umana. Secondo i loro calcoli, il millennio apocalittico -come descritto dalla Bibbia- sarebbe iniziato nel 1914, con l’invisibile ritorno di Cristo fra gli uomini. La I G.M. sarebbe stata il segno evidente della guerra finale tra Satana e Geova, il quale naturalmente trionferà . Quel giorno la terra diverrà  luogo di felicità  per i sopravvissuti e i morti resuscitati (non tutti i morti della storia, ma solo quelli che l’hanno meritato), mentre Cristo separerà  i cattivi dagli eletti, che costituiranno il mondo nuovo del regno di dio.

Nel 1914 è cominciato il millennio (cioè l’instaurazione del regno divino nel mondo). La grande crisi mondiale iniziata in quell’anno è il preludio all’imminente battaglia di Armaghedon (Ap. 16,16) fra Geova e Satana. Dopo questa battaglia tutti i morti risorgeranno con un corpo umano e avranno migliori condizioni per guadagnarsi la salvezza. Trascorsi mille anni, i renitenti saranno annientati, mentre i salvati riceveranno la vita eterna, secondo varie gradazioni di beatitudini: i 144.000 “eletti” (Ap. 7,1-8) vivranno nel cielo, tutti gli altri sulla terra.

Il regno di dio è quindi per loro un dominio reale che oggi è già  presente in cielo e che presto si affermerà  sulla terra, riportandola alla originaria condizione paradisiaca. Questo per mille anni. Ecco perchè i geovisti aspettano un’imminente fine dell’attuale sistema mondiale attraverso le grandi tribolazioni con cui dio libererà  la terra dalla malvagità . Alla fine del millennio, Satana tornerà  sulla terra e gli uomini avranno una seconda possibilità  di rinnegare dio. Chi lo farà  morirà  definitivamente, gli altri entreranno per sempre nel paradiso ripristinato. Sarà  una teocrazia priva di conflitti, malattie, morte e sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

I “salvati” dunque si distinguono in due categorie: i 144.000 eletti (numero assunto letteralmente dall’Apocalisse, ove però è riferito alle tribù d’Israele), che sono predestinati a una resurrezione solo spirituale e a regnare con Cristo in cielo; e tutti coloro che, fedeli testimoni di Geova, saranno ammessi ai mille anni di felicità  terrena, ma solo dopo la battaglia di Armaghedon (altro termine tratto dall’Apocalisse, ove è simbolo non di stragi sanguinose, ma della vittoria definitiva del Cristo nel giudizio universale), in cui periranno le organizzazione sataniche che sono gli Stati, le chiese, l’ONU, il mondo intero (il papa ad es. è identificato con la “bestia” che nell’Apocalisse porta il no 666). Superate successivamente le prove cui Satana, prima incatenato da Geova e poi liberato, sottoporrà  i fedeli alla fine del millennio, questi otterranno la vita eterna sulla terra, anche col corpo, sempre in un paradiso terrestre.

Non vengono qui ipotizzate innovazioni sociali, ovvero un sistema comunitario particolare o altri modelli socioeconomici. Non si tratterà  neppure di una società  altamente tecnologica. Si può solo notare che alla concezione russeliana dell’apocalisse, secondo cui l’incendio del mondo sarebbe stato causato da una lotta dei lavoratori contro i capitalisti, è subentrata una concezione più classica del catastrofismo, con terremoti, epidemie, carestie, ecc. In ogni caso per ottenere la vita eterna occorrono la piena obbedienza a Geova e la fede nel sacrificio-riscatto di Cristo.

I geovisti ritengono la Bibbia unica fonte della parola di dio, unica soluzione di tutti i loro problemi e ne promuovono lo studio domestico e presso le cd. “sale del regno”, per 3-5 volte la settimana, seguendo un’esegesi di tipo letterale e fondamentalista. Sotto la guida del Corpo direttivo di Brooklyn, che si considera infallibile e superiore alla Bibbia, si è deciso di fare una traduzione in italiano nel 1967 dalla loro Bibbia inglese del 1961: anche qui ovviamente le manipolazioni sono innumerevoli.

Gli altri punti fondamentali della loro fede sono, sulla scorta dell’eresia ariana, la negazione della trinità  divina dei cristiani: Cristo, la prima creatura di dio, non è generato, è sommo sacerdote e re nel regno di dio. Talvolta è presentato come l’incarnazione dell’arcangelo Michele. Per riscattare gli uomini dal peccato originale dovette diventare uomo e morì sul “palo”. Geova lo avrebbe resuscitato spiritualmente, intronizzandolo nel 1914 in cielo, affidandogli, insieme con i 144.000 predestinati, il governo del cielo (qui sono forti le influenze calviniste). Nel 1914 si sarebbe realizzato invisibilmente il secondo ritorno di Cristo, che è chiamato anche “feldmaresciallo” di Geova. Per loro tutte le religioni sono state inventate dal demonio. Negano i miracoli, l’immortalità  dell’anima e l’esistenza del purgatorio e dell’inferno: quest’ultimo coincide con la morte fisica e gli infedeli, alla fine dei tempi, saranno dissolti con Satana. Lo spirito santo è la “forza” di dio e come tale viene sempre scritto minuscolo. Rifiutano i santi e la cosiddetta maternità  divina e verginale di Maria. Accusano i cattolici di idolatria, specie per quanto riguarda la messa, a causa del suo carattere sacrificale e perchè implica la fede nella presenza reale del corpo e sangue di Cristo.

Riti, usi e costumi

La pratica religiosa è ridotta al rito del battesimo, che viene impartito per immersione solo dopo averlo chiesto personalmente. Ma può anche essere rifiutato a chi non ha reso la sua condotta conforme a determinate esigenze (p. es. se fuma, se non conosce a sufficienza la dottrina, ecc.). Il battesimo non è un sacramento (i geovisti hanno abolito tutti i sacramenti), ma solo pubblico affidamento di ogni persona a Geova. Poi vi è la celebrazione annuale della morte di Cristo: una semplice commemorazione il venerdì santo (Pasto serale), ricordando ciò che il Cristo fece (le parole “Questo è il mio corpo” vengono intese alla maniera protestante: “Questo significa il mio corpo”). La preghiera fondamentale è il Padre nostro. Non esiste organizzazione ecclesiastica, ne un clero vero e proprio: unico mediatore tra dio e gli uomini è Cristo. Non usano titoli onorifici come “don”, “eccellenza”, “eminenza”, ecc. Rifiutano il monachesimo. (In tutto questo assomigliano molto ai protestanti).

Il matrimonio è celebrato secondo il rito religioso della religione cristiana dei testimoni di Geova presso le Sale del Regno da ministri di culto autorizzati dallo Stato Italiano. Ammettono il divorzio solo in caso di adulterio. Sono contrari all’aborto.

Praticano l’astinenza dal tabacco e dalle carni con sangue. Forte il loro moralismo sul piano sessuale.

Non hanno nessun giorno prestabilito per fare festa (non festeggiano i compleanni ne si scambiano auguri di buon anno o di altro genere).

Celebrano i funerali nelle Sale del Regno e seppelliscono i morti nei cimiteri comunali.

Nel loro calendario non venerano alcun santo perchè per loro equivale ad “adorare delle creature”.

Metodico è lo studio della Bibbia.

La predica a domicilio avviene tutti i giorni, ma soprattutto la domenica mattina. Frequentano corsi di addestramento professionale per imparare le tecniche di persuasione e convincimento per la loro propaganda. I geovisti, che assomigliano a rappresentanti di prodotti commerciali, si distinguono in “proclamatori” (chiunque presta servizio di propaganda) e “pionieri”, che dedicano al proselitismo 100 ore al mese e, se a tempo pieno, sono pagati con stipendio fisso.

Quando devono datare qualche persona o avvenimento del passato usano la sigla E.V. (era volgare).

Sono ostili naturalmente anche alla scienza. Fino a qualche tempo fa insegnavano che l’universo esiste da 48.000 anni e che l’uomo esiste da 6.000 anni: duemila anni dopo sarebbe accaduto il diluvio universale, e così via. A dir il vero l’obiettivo delle loro polemiche si è focalizzato essenzialmente sul tema dell’evoluzionismo in biologia e solo marginalmente ad alcune tematiche paleoantropologiche. Nell’ultimo libro che hanno scritto su questo argomento: Come ha avuto origine la vita? (1985), i geovisti hanno smesso di affermare le loro assurde cronologie, che contraddicono tutti i dati della chimica, fisica, astronomia, geologia e paleontologia, e hanno cominciato a cercare delle basi scientifiche per la loro teoria creazionista (citando ad es. di continuo l’opinione di quegli scienziati che hanno dei dubbi, peraltro più che legittimi, sull’origine dell’universo). L’obiettivo finaleè¨ quello di convincere i Ministeri delle pubbliche istruzioni di tutto il mondo a imporre nelle scuole pubbliche una trattazione del non-evoluzionismo che in quanto a ore di lezione e pagine di testi sia equivalente a quella dedicata all’evoluzionismo. In modo particolare si sono accaniti contro Darwin.

Rifiutano il servizio militare e civile (se quest’ultimo è organizzato dal Ministero della Difesa), ogni forma di giuramento, di rendere onore alla bandiera nazionale, di votare (le autorità  politiche, sindacali, economiche e ecclesiastiche sono ritenute alleate di Satana). Dal punto di vista sociale si caratterizzano per la loro contestazione assoluta e globale di tutte le strutture ideologiche del mondo attuale di cui criticano ogni forma di organizzazione civile e politica. Non possono aderire neanche ad un’associazione sportiva o di beneficenza.

Come già  detto, sono contrari alle trasfusioni di sangue (ad es. nel 1980 i coniugi Oneda lasciarono morire la figlia Isabella, malata di talassemia). I tabÃù che hanno sul sangue sono tutti di origine ebraica perchè motivati sulla base dell’Antico testamento. Questi tabù d’altra parte sono stati seguiti dagli stessi cristiani per molti secoli: dal Concilio di Gerusalemme di Atti 15 al Concilio Quinisesto di Costantinopoli del 692 d.C. Ci sono stati momenti nel passato in cui il formalismo filo-giudaico (quando prevaleva nella cristianità ) prescriveva l’obbligo di astenersi dal sangue e dagli animali soffocati o strangolati.

Oggi i Testimoni si regolano in questo modo: se il paziente è un loro seguace chiedono che egli possa firmare una semplice dichiarazione legale con la quale esimere il personale medico e paramedico da ogni responsabilità  nell’eventualità  che il paziente subisca un danno per aver operato senza sangue. Naturalmente essi escludono che le trasfusioni possano essere fatte ai loro figli minorenni. Il rifiuto del paziente non deve essere considerato -essi dicono- come una forma di suicidio o di eutanasia, in quanto essi non hanno alcuna difficoltà  ad accettare terapie alternative, come ad es. l’ipotermia spinta (abbassamento della temperatura corporea per ridurre al minimo la perdita di sangue nell’intervento chirurgico), l’ipotensione (abbassamento della pressione del sangue), i composti del ferro per via orale o parenterale, gli aminoacidi e altri sostituti non biologici, come le soluzioni fisiologiche, chimiche, elettrolitiche, cristalloidi e colloidi. Se invece è il medico un TdG bisognerebbe che lo Stato gli assicurasse il diritto all’obiezione di coscienza.

Di fronte alle molte accuse che sono state loro rivolte dagli ambienti laici, essi si difendono col dire che nessuna legge impone le trasfusioni di sangue o l’obbligo del voto. Il movimento d’altra parte è diventato un maestro nell’arte delle procedure giudiziarie, in quanto porta sempre di fronte ai tribunali le controversie che lo oppongono agli organismi amministrativi statali.

Pubblicazioni principali: due quindicinali, La Torre di Guardia e Svegliatevi, con una tiratura complessiva, a livello mondiale, di 25 milioni di copie in 105 lingue, più vari opuscoli con orientamento catechistico. Hanno inondato il mondo con più di un miliardo di libri e con parecchi miliardi di periodici. Questa colossale struttura economico-finanziaria, che investe in terreni, palazzi, industrie, banche ecc., oggi fa la fortuna di 420 dirigenti. In 90 nazioni c’è una sede centrale chiamata “Betel”, sempre molto lussuosa: in Italia è a Roma. Sono in trattative con lo Stato italiano per realizzare un’Intesa che li riconosca come associazione religiosa, al pari degli ebrei, avventisti, valdesi ed evangelici. Nel 1986 sono stati riconosciuti come ente morale.

Questo Documento che avete appena letto è di pura informazione. Ci dissociamo totalmente dal giudicare la personale sfera religiosa di ognuno. Cerchiamo di apportare alle coscienze di tutti la semplice, obiettiva e documentata VERITA’.
Grazie per la lettura….DIFFONDERE IL PIU’ POSSIBILE!!!…..”


PRIMA PARTE


Per il download della registrazione clicca su questo testo
(tasto destro del mouse + salva oggetto con nome)

Chiunque intende pubblicare i contenuti ivi presenti può farlo liberamente.
E’ gradita una comunicazione.

SECONDA PARTE


Per il download della registrazione clicca su questo testo
(tasto destro del mouse + salva oggetto con nome)

Chiunque intende pubblicare i contenuti ivi presenti puù farlo liberamente.
E’ gradita una comunicazione.

CBMAN