Italia

32 anni suonati e con un contratto d’apprendistato professionalizzante in scadenza presso una multinazionale del settore contac center/call center.

32 anni anni in cassa integrazione a rotazione su un contratto a termine  del 3 livello a 30 ore settimanali.  Il risultato? Una miseria di stipendio. Le prospettive? Pari a zero. L’azienda è in crisi. Al 99% non verrò confermato.

32 anni con un progetto di vita andato in fumo(una casa, una convivenza, una vita modesta ma dignitosa, l’affetto di una cagnolina, tanto amore e il desiderio di una dolce attesa).

32 anni con una rapporto di coppia salvato ma con l’amarezza di tornare alla residenza di origine. Da Mamma e Papà.

32 anni senza una casa propria, una convivenza, una vita modesta ma autosufficiente, le feste di una cagnolina veramente speciale. Solo la sicurezza di una donna amata. Il sogno di un bebè spezzato e futuro pari a zero.

Tutto questo è ciò che mi offre la mia nazione. Il mio paese. L’Italia.

Il nostro settore è sempre strumentalizzato dai mass-media, sfruttato da molte produzioni cinematografiche. Molti politici ci utilizzano per campagne elettorali e a volte le vincono. Altre no.

I consumatori ci odiano. Le grandi aziende ci sfruttano finché possono. Poi semplicemente delocalizzano.

Ma noi non siamo numeri. Non siamo risorse. Non siamo agenti telefonici, non siamo operatori telefonici, non siamo livelli di servizio, non siamo pause di 15 min ogni 2 ore.

Noi siamo persone. Uomini e donne. Cittadini e cittadini. Lavoratori  e lavoratrici.

Ognuno con le proprie storie, le proprie vite, le proprie sconfitte, vittorie, gioie e dolori.

Ognuno di noi ha un sogno, una passione, un vizio, una famiglia. Dei figli.

E ognuno di noi ha il diritto sacrosanto di sognare un futuro felice.

Ognuno di noi. Ogni singolo individuo, per sopravvivere, deve avere una minima speranza di avere un futuro.

Dopo tutto siamo nati per questo. Cresciamo e andiamo dritti verso il nostro futuro.  Sogniamo di lasciare un segno. Di costruire qualcosa di buono. Di migliorare. Di avere dei figli, sistemarli e invecchiare. Lasciare a loro il testimone.

E l’Italia, la nostra Patria, dovrebbe aiutarci ad avere una speranza nel futuro.

Ma c’è solo un muro di gomma. E dietro questo muro c’è la peggiore classe imprenditoriale di sempre collusa con la politica mafiosa corrotta.

L’Italia è una grande madre grassa con poco latte avvelenato.

Una puttana con il crocifisso al collo.

A 32 anni è arrivato il momento di partire.

Con l’ultimo colpo di reni cerco di organizzare per quel posso il mio futuro.

Avendo perduto la speranza di un invasione da parte di qualche paese più civile del nostro sto vagliando l’ipotesi dell’emigrazione.

Ci sto lavorando.

Immagine anteprima YouTube


Generazione 1000 Euro

Crisi

 

BASTA!!!!

OK???

BASTAAAAAAAAAAA!!!!

Possibile che questa classe politica/dirigente è cosi lontana dai cittadini? Una volta c’era il re, l’imperatore, il feudatario, il dittatore di turno. Ora ci sono governi, ministri, parlamentari, senatori, sotto segretari, gregari, ecclesiastici e chi più ne ha più ne metta! Il potere in senso assoluto, quel potere anarchico, becero, immorale, prepotente, volgare, spietato e strafottente di Pasoliniana memoria non è scomparso nel corso dei secoli. E’ stato semplicemente condiviso tra più persone.

Un potere autogestisto e autoreferenziale. Un potere dove TUTTI sono complici, ricattabili, collusi. Un potere non condiviso con e dai cittadini ma ormai visto come un dogma. Un potere entrato nella “genetica” dei cittadini Italiani. Spesso, troppo spesso ormai, chi cerca di lottare contro questo potere non ne rimane schiacciato, come anni fa, ma ne rimane affascinato, sedotto, “infettato”. Piano piano, più ci si avvicina al potere più ci si entra a far parte.

Destra, sinistra, centro, sindacati, opposizioni, associazioni, movimenti popolari e di cittadini… TUTTI prima o poi vengono infettati.

Tutti attori in questo teatro dell’assurdo. In questa eterna finizione. Tutti mossi e gestiti da questa forza invisibile ma presente.

IL POTERE! Unica vera realtà anarchica in questa società moderna!

E sotto questa classe dirigenziale chi c’è?

CI SIAMO NOI, NORMALI CITTADINI!

Precari, con mutui altissimi, strozzati dalle spese, stressati da ore e ore di lavoro, di straordinari, di festività passate in azienda e per cosa?? PER UNO STIPENDIO DA FAME!

Intere giornate rubate all’affetto dei nostri cari, Natali, Pasque, Ferragosti….

e per cosa?? Per stipendi che RARAMENTE toccano i 1000 euro mensili!

E non solo!! A volte ci sentiamo anche in colpa perchè un lavoro, se pur precario, comunque ce l’abbiamo! A volte ci sentiamo anche fortunati pensando a milioni di persone che non sono occupate.

Passiamo tutta la nostra esistenza a lavorare per cosa??? PER COSAAAA??

PER VIVERE UNA VITA DI MERDA!

Entriamo nel dettaglio. Vi illustro, senza troppi dati “sensibili”, la mia situazione. Dono me stesso come esempio di Italiano Medio di 30 anni che vive e lavora in Italia nel 2010.

Esco la mattina alle 9:30 (se non faccio straordinari) e vado a lavorare. Lavoro fuori città. Sono un pendolare. 1 ora e mezza di viaggio tra Bus e treno. E che treni!! Sporchi, sempre in ritardo e scomodi. E torno la sera alle 21:15.

Se faccio straordinari posso uscire anche alle 8 (se non prima) e ritorno sempre alle 21:15.

Altro che 8 ore lavorative!

Lavoro molto spesso di sabato e di domenica. Lavoro in quasi tutte le festività. Sono precario. Ho un contratto a scadenza. Il mio contratto scadrà il 1 aprile del 2013. Sono obbligato a fare un ora di pausa pranzo al giorno NON pagata e non ho diritto neanche ai ticket pasti. In pratica con un futuro a termine!

Tutto questo per circa 1000 euro mensili (per il momento… perchè forse da gennaio mi fanno tornare a 30 ore settimanali a 795 euro al mese…)

L’abbonamento del treno costa ben 51 euro al mese! Ironia della sorte?? Per una sola fermata (circa 2 minuti di treno) entro in un’altro comune e vado a pagare ben 21 (VENTUNO!) euro in più rispetto all’abbonamento standard per la città di Roma (30€).

Convivo con una mia collega. Ma lei è più “sfigata di me”. Perchè? Perchè l’azienda è la stessa ma il settore è diverso. Loro in questo momento, da qualche mese a questa parte, si ritrovano in SOLIDARIETA’! Cosa vuol dire riassumendo? Stipendi dimezzati. Quasi una paghetta. Sai c’è crisi, l’azienda ci chiede di stringere i denti….. ci ringrazia pure del sacrificio…. ma VAFF!

E le spese? tante. troppe!

Partiamo dal mutuo: Circa 700 euro mensili.

Il condominio: 71 euro al mese.

Luce, Gas, Acqua, Telefono: Centinaia di euro.

Frigorifero e macchina del gas a rate: 34 euro al mese

La spesa?? OVVIAMENTE AL DISCOUNT! Beato colui che fondò l’ IN’s! Senza IN’S si rischia di morire di fame!

Vestiti e altre cose utili per la casa? Dai negozianti cinesi!! Onore alla nazione cinese che ci permette di acquistare cose utili a pochi euro.

GPL per la macchina: circa 20 euro ogni pieno

Assicurazione? circa 1000 euro all’anno!

Bollo? Circa 160 euro all’anno.

Imprevisti? molti! Occhiali da acquistare perchè rotti, medicine, visite mediche, autoricambi etc. etc.

E alla fine del mese? Si arriva praticamente con 20 euro nel conto!

E spesso ci dobbiamo umiliare a chiedere qualche soldo in prestito ai nostri genitori pensionati!

Zero ferie. Zero cene al ristorante. La pizza?? si certo! ma solo fatta in casa con tanta pazienza e tanta buona volontà. Zero Svaghi.

NIENTE DI NIENTE!

E noi non siamo un caso isolato.  Tantissime persone, amici, parenti, colleghi vessano nella stessa nostra condizione.

E cosa dobbiamo sentire dai mass media??? Che il nostro Presidente Del Consiglio si permette, alla sua età, di pagare delle TROIE! E parliamo di cifre che potrebbero risolvere i problemi a tantissime persone!

E’ uno schiaffo verso gli Italiani che ogni santo giorno si svegliano e vanno a lavorare 8/10/12 ore per uno stipendio da fame! Per vivere questa vita senza soddisfazioni.

BASTA!

Lui avendo tutto quel potere è un vero anarchico!! Può fare quello che vuole! Può permettersi ville, vacanze, donne, cambiare le leggi a suo favore, non scontare mai le pene che meriterebbe…. e si può anche permettere di prenderci tutti per il culo!

E noi?

NOI SIAMO SCHIAVI DI QUESTO SISTEMA! LEGATI CON UNA CORDA INVISIBILE. NOI NON CI POSSIAMO PERMETTERE UN EMERITO CAZZO!

E porto l’esempio del nostro Presidente del Consiglio solo perchè lui incarna al meglio questa classe politica corrotta, immorale, spavalda, e anarchica.

Una classe politica che con l’esempio che da invita milioni di giovani Italiani a delinquere, a ignorare le leggi e le regole. Una classe politica che dell’impunità ne fa una bandiera.

Per favore basta.

Cerchiamo di svegliarci da questo terribile incubo.

Vi prego.

CBMAN


Religione o Business ???

Testimoni di Geova

Tempo fa, dopo una animata discussione con una credente Testimone di Geova che affermava(e molto probabilmente afferma) che un giorno Geova uscirà  fuori con una “grande mano” e fermerà  la naturale e scientificamente provata implosione del nostro sole(e quindi la totale distruzione del pianeta Terra), scrissi con l’aiuto di un amico un piccolo ma interessante documento che trattava, criticamente, il fenomeno dei Testimoni di Geova.

Oggi, per puro caso, navigando in rete ho trovato un sito veramente interessante: http://www.infotdgeova.it/

E’ un sito gestito da un Ex Testimone di Geova che mi ha fatto tornare la classica “pulce all’orecchio”.

Consigliandovi la lettura di questo interessante sito (è molto vasto e dettagliato) vi regalo due cose: Vi copio e incollo il documento scritto da me e dal mio amico Mr.Blues intitolato TUTTO CIO’ CHE SAI DI LORO E’ FALSO!!! – FINALMENTE TUTTA LA CONTROVERSA VERITA’ SUL FENOMENO “TESTIMONI DI GEOVA” – RELIGIONE O… BU$INE$$ ?!?! E poi, alla fine del documento, troverete due lettori multimediali per ascoltare la prima e seconda parte di un intervista radiofonica ad Achille Lorenzi (Titolare del sito http://www.infotdgeova.it/ ).

Buona Lettura e Buon Ascolto.

“…..I Testimoni di Geova sono un movimento millenaristico fondato nel 1872 negli Stati Uniti da Charles Russel, un pastore avventista dissidente, che prima ancora era stato presbiteriano e che di professione faceva il commerciante. Era conosciuto coi nomi di “Uomini dell’aurora millenaria” o “chialisti”, “Studenti internazionali della Bibbia”, “Russeliti”. All’inizio si rivolgevano prevalentemente agli studenti, in seguito anche agli immigrati, agli emarginati, alle minoranze di colore, sfruttando i loro sentimenti di ribellione. Nato nel 1852 in una facoltosa famiglia della Pennsylvania, Russel divenne molto popolare quando cominciò a predicare in tutte le contee degli Stati Uniti. La prima setta la fondò nel 1878. Nel 1914 le diede il nome di “Studenti della Bibbia”. Nel 1884 fondò una società per azioni, la Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania, di cui aveva la maggioranza delle azioni ed era presidente a vita. Fu un abile affarista: ad es. vendeva ai ceti meno abbienti il grano, che vantava come miracoloso, ad un prezzo 60 volte superiore al suo valore. Inoltre faceva pressione sugli ammalati per carpire i loro beni ed era spacciatore di medicinali miracolosi. Giurò falsamente di conoscere latino, greco ed ebraico per dimostrare l’esattezza della sua interpretazione biblica. In realtà  non aveva alcuna competenza teologica, ne storico-filologica. Semplicemente egli si sforzava di chiarire il senso dei testi biblici (soprattutto le profezie e l’Apocalisse) accostando i passi più diversi, cercando di spiegare gli uni con l’aiuto degli altri. Fu il tema della “fine del mondo”, su cui centrò la sua predicazione, che lo indusse a uscire dai presbiteriani e ad accostarsi agli avventisti. E tentò di rinchiudere in manicomio la moglie, cui negò gli alimenti prescritti dalla sentenza di divorzio che lei aveva chiesto, lasciandola morire di stenti.

Il suo giornale ufficiale era ed è ancora oggi La Torre di Guardia, nato nel 1879. Russel rimase il leader indiscusso della setta sino al 1916, anno della sua morte. Profetizzò la fine della “perversione” del mondo per il 1874, poi per il 1914 e infine per il 1918. Ma già con il fallimento delle predizioni millenaristiche relative al 1914, il movimento subì un collasso, da cui si riprese solo nel 1925, allorchè il successore di Russel, il giudice Joseph Rutherford prese in mano l’organizzazione, la ribattezzò nel 1931 col nome che ha ancora oggi e la diffuse in tutto il mondo. (Jehowah o, in italiano, Geova è la pronuncia errata del tetragramma JHWH, le cui consonanti venivano vocalizzate dagli ebrei con Jahweh o anche con lo stesso Jehowah, per esigenze di tabù rituale, essendo il nome di Jahweh impronunciabile).

Rutherford non aveva il carisma di Russel, ma seppe accentuare l’aspetto amministrativo della setta sul modello delle grandi imprese industriali, con gerarchia piramidale e soprattutto con la formazione intensa dei “proclamatori”, il personale dedito al proselitismo. L’entusiasmo iniziale venne sostituito dalla efficienza burocratica e manageriale della propaganda. Egli abolì il natale, la pasqua e il simbolo della croce. Rutherford modificò alquanto l’interpretazione escatologica di Russel. Secondo questi infatti l’anno 1914 avrebbe segnato la distruzione della cristianità , la glorificazione in cielo della vera chiesa e l’instaurazione del regno di Geova. Oggi invece, dopo le ritrattazioni e rettifiche di Rutherford, il 1914 viene indicato come l’anno del ritorno invisibile di Cristo sulla terra e l’inizio del “periodo della fine”. Previde per il 1930 l’inizio di un’era idilliaca per l’umanità . Rutherford morì nel 1942 in California, in una villa sontuosa che aveva fatto costruire per ospitare Abramo, Isacco e Giacobbe che, secondo una sua profezia, sarebbero dovuti resuscitare nel 1925 per mettersi a capo dell’umanità . Naturalmente Rutherford non credeva in quello che diceva, lo faceva solo per tenere più unito il suo movimento e per poter speculare finanziariamente.

Su questa linea hanno continuato anche i successori di Rutherford, Knorr e Franz, precisando ruoli gerarchici e possibilità  di carriera nell’organizzazione capillare, esasperando i controlli e le responsabilità  gerarchiche. Organizzazione e funzionalità  oggi prevalgono su qualsiasi forma di umana solidarietà . Ancora oggi il carisma religioso è gestito con i criteri di una società  d’affari: si veda ad es. l’uso massiccio per la propaganda di ogni mezzo comunicativo, compresi il cinema (già  dal 1894), la tv, i processi, le polemiche socio-religiose in America, Canada e in ogni parte del mondo.

Nel periodo fra le due guerre mondiali il movimento si diffuse in Europa occidentale: prima in Germania, ove vennero duramente perseguitati dal nazismo, poi negli altri paesi. Nello stesso periodo furono messi fuori legge anche da Australia e Nuova Zelanda.

Nel 1942 divenne presidente della setta Nathan Knorr che impose come attività  principale la predicazione a domicilio, fece fare una traduzione della Bibbia manomettendola in più parti, introdusse il divieto delle trasfusioni e fondò la sede centrale del movimento a New York, nel quartiere di Brooklyn, dandole una strutturazione oligarchica, con il “Corpo direttivo”. Previde anche lui la fine del mondo per il 1975 e morì un anno dopo.

Il movimento subì delle forti crisi nel 1975 e nel 1986, allorchè le due più recenti attese della restaurazione finale, quella di Knorr e quella di Franz, risultarono di nuovo vane, scocertando i fedeli. Tuttavia, dopo il fallimento delle previsioni e il breve periodo di delusione generale, si è avuto un riesame dei testi su cui ci si era basati e una loro reinterpretazione in senso lato, con la conseguente affermazione che qualche cosa era effettivamente accaduto, benchè in maniera invisibile. Di qui la decisione di riprendere alcuni aspetti della predicazione fallita, inserendoli in un nuovo schema profetico che puntasse sempre l’attenzione sulle catastrofi e sulle crisi, al fine di dimostrare che la setta ha pienamente ragione quando dice che la fine del mondo è vicina. Oggi non si indica più alcuna data precisa per tale restaurazione, che però viene sempre considerata come imminente e sempre collegata con catastrofi naturali, con la miscredenza e la criminalità .

Dai geovisti si sono separati due gruppi, quello svizzero di A. Freytag nel 1920, che concepisce la “terra rinnovata” come un’indefessa opera di rimboschimento e di lotta contro l’egoismo; e nel 1947 quello francese di B. Sayerce, un insegnante elementare nelle province basche.

Nella vita professionale i geovisti si fanno ammirare per la loro serietà  e onestà , anche se rifiutano impegni troppo gravosi, che impediscano il volontariato, la vita religiosa, la propaganda, le riunioni assembleari. Rifiutano il consumismo ostentato, il lusso, la moda, pur senza sostenere l’ascetismo religioso. Si isolano da parenti e conoscenti che non accettano di convertirsi. Leggono poche riviste e pochissimo i giornali, eccetto quelli della Torre di Guardia, accolti senza alcun senso critico. Dubbio e ricerca sono aboliti. Tv e musica moderna ostracizzati. Chi diserta le riunioni viene espulso. Religiosità  e preghiere sono molto stereotipati. Si considerano eletti perchè perseguitati, ma di questo si vantano.

Rivendicano una posizione di assoluto distacco dalle chiese cattoliche e protestanti: sono cioè antiecumenici ed elitari, in quanto pretendono di essere l’unica organizzazione di salvezza voluta da dio, e l’unica dispensatrice di verità  nel campo religioso. Infatti alla fine del mondo solo i geovisti si salveranno: i profani, finchè non diventano fedeli, vengono considerati sotto l’influenza di Satana.

Il totalitarismo assoluto nelle sfere di comando è stato rivelato per la prima volta da R. Franz, uno dei massimi dirigenti dei geovisti e nipote dell’attuale presidente mondiale. Egli ha scritto un libro di 515 pagine, Crisi di coscienza, in cui denuncia i metodi autoritari delle imputazioni giudiziarie per dei semplici dubbi, le inquisizioni minuziose, gli interrogatori interminabili, le occulte registrazioni di conversazioni e di telefonate, i processi a porte chiuse senza alcuna difesa da parte degli inquisiti, le condanne e le scomuniche per soli sospetti o per qualche critica, i condannati presentati come criminali e indemoniati.

L’ideologia geovista

L’aspetto predominante della loro dottrina è la predicazione del regno di dio, al fine di riportare la terra alle condizioni paradisiache dell’Eden. I geovisti predicano una dottrina profetica ed escatologica: ad es. dall’anno 607 a.C. (fine del regno d’Israele) Dio non sarebbe più stato rappresentato sulla terra. Ma con il 1914 saremmo entrati nell’ultimo periodo della storia umana. Secondo i loro calcoli, il millennio apocalittico -come descritto dalla Bibbia- sarebbe iniziato nel 1914, con l’invisibile ritorno di Cristo fra gli uomini. La I G.M. sarebbe stata il segno evidente della guerra finale tra Satana e Geova, il quale naturalmente trionferà . Quel giorno la terra diverrà  luogo di felicità  per i sopravvissuti e i morti resuscitati (non tutti i morti della storia, ma solo quelli che l’hanno meritato), mentre Cristo separerà  i cattivi dagli eletti, che costituiranno il mondo nuovo del regno di dio.

Nel 1914 è cominciato il millennio (cioè l’instaurazione del regno divino nel mondo). La grande crisi mondiale iniziata in quell’anno è il preludio all’imminente battaglia di Armaghedon (Ap. 16,16) fra Geova e Satana. Dopo questa battaglia tutti i morti risorgeranno con un corpo umano e avranno migliori condizioni per guadagnarsi la salvezza. Trascorsi mille anni, i renitenti saranno annientati, mentre i salvati riceveranno la vita eterna, secondo varie gradazioni di beatitudini: i 144.000 “eletti” (Ap. 7,1-8) vivranno nel cielo, tutti gli altri sulla terra.

Il regno di dio è quindi per loro un dominio reale che oggi è già  presente in cielo e che presto si affermerà  sulla terra, riportandola alla originaria condizione paradisiaca. Questo per mille anni. Ecco perchè i geovisti aspettano un’imminente fine dell’attuale sistema mondiale attraverso le grandi tribolazioni con cui dio libererà  la terra dalla malvagità . Alla fine del millennio, Satana tornerà  sulla terra e gli uomini avranno una seconda possibilità  di rinnegare dio. Chi lo farà  morirà  definitivamente, gli altri entreranno per sempre nel paradiso ripristinato. Sarà  una teocrazia priva di conflitti, malattie, morte e sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

I “salvati” dunque si distinguono in due categorie: i 144.000 eletti (numero assunto letteralmente dall’Apocalisse, ove però è riferito alle tribù d’Israele), che sono predestinati a una resurrezione solo spirituale e a regnare con Cristo in cielo; e tutti coloro che, fedeli testimoni di Geova, saranno ammessi ai mille anni di felicità  terrena, ma solo dopo la battaglia di Armaghedon (altro termine tratto dall’Apocalisse, ove è simbolo non di stragi sanguinose, ma della vittoria definitiva del Cristo nel giudizio universale), in cui periranno le organizzazione sataniche che sono gli Stati, le chiese, l’ONU, il mondo intero (il papa ad es. è identificato con la “bestia” che nell’Apocalisse porta il no 666). Superate successivamente le prove cui Satana, prima incatenato da Geova e poi liberato, sottoporrà  i fedeli alla fine del millennio, questi otterranno la vita eterna sulla terra, anche col corpo, sempre in un paradiso terrestre.

Non vengono qui ipotizzate innovazioni sociali, ovvero un sistema comunitario particolare o altri modelli socioeconomici. Non si tratterà  neppure di una società  altamente tecnologica. Si può solo notare che alla concezione russeliana dell’apocalisse, secondo cui l’incendio del mondo sarebbe stato causato da una lotta dei lavoratori contro i capitalisti, è subentrata una concezione più classica del catastrofismo, con terremoti, epidemie, carestie, ecc. In ogni caso per ottenere la vita eterna occorrono la piena obbedienza a Geova e la fede nel sacrificio-riscatto di Cristo.

I geovisti ritengono la Bibbia unica fonte della parola di dio, unica soluzione di tutti i loro problemi e ne promuovono lo studio domestico e presso le cd. “sale del regno”, per 3-5 volte la settimana, seguendo un’esegesi di tipo letterale e fondamentalista. Sotto la guida del Corpo direttivo di Brooklyn, che si considera infallibile e superiore alla Bibbia, si è deciso di fare una traduzione in italiano nel 1967 dalla loro Bibbia inglese del 1961: anche qui ovviamente le manipolazioni sono innumerevoli.

Gli altri punti fondamentali della loro fede sono, sulla scorta dell’eresia ariana, la negazione della trinità  divina dei cristiani: Cristo, la prima creatura di dio, non è generato, è sommo sacerdote e re nel regno di dio. Talvolta è presentato come l’incarnazione dell’arcangelo Michele. Per riscattare gli uomini dal peccato originale dovette diventare uomo e morì sul “palo”. Geova lo avrebbe resuscitato spiritualmente, intronizzandolo nel 1914 in cielo, affidandogli, insieme con i 144.000 predestinati, il governo del cielo (qui sono forti le influenze calviniste). Nel 1914 si sarebbe realizzato invisibilmente il secondo ritorno di Cristo, che è chiamato anche “feldmaresciallo” di Geova. Per loro tutte le religioni sono state inventate dal demonio. Negano i miracoli, l’immortalità  dell’anima e l’esistenza del purgatorio e dell’inferno: quest’ultimo coincide con la morte fisica e gli infedeli, alla fine dei tempi, saranno dissolti con Satana. Lo spirito santo è la “forza” di dio e come tale viene sempre scritto minuscolo. Rifiutano i santi e la cosiddetta maternità  divina e verginale di Maria. Accusano i cattolici di idolatria, specie per quanto riguarda la messa, a causa del suo carattere sacrificale e perchè implica la fede nella presenza reale del corpo e sangue di Cristo.

Riti, usi e costumi

La pratica religiosa è ridotta al rito del battesimo, che viene impartito per immersione solo dopo averlo chiesto personalmente. Ma può anche essere rifiutato a chi non ha reso la sua condotta conforme a determinate esigenze (p. es. se fuma, se non conosce a sufficienza la dottrina, ecc.). Il battesimo non è un sacramento (i geovisti hanno abolito tutti i sacramenti), ma solo pubblico affidamento di ogni persona a Geova. Poi vi è la celebrazione annuale della morte di Cristo: una semplice commemorazione il venerdì santo (Pasto serale), ricordando ciò che il Cristo fece (le parole “Questo è il mio corpo” vengono intese alla maniera protestante: “Questo significa il mio corpo”). La preghiera fondamentale è il Padre nostro. Non esiste organizzazione ecclesiastica, ne un clero vero e proprio: unico mediatore tra dio e gli uomini è Cristo. Non usano titoli onorifici come “don”, “eccellenza”, “eminenza”, ecc. Rifiutano il monachesimo. (In tutto questo assomigliano molto ai protestanti).

Il matrimonio è celebrato secondo il rito religioso della religione cristiana dei testimoni di Geova presso le Sale del Regno da ministri di culto autorizzati dallo Stato Italiano. Ammettono il divorzio solo in caso di adulterio. Sono contrari all’aborto.

Praticano l’astinenza dal tabacco e dalle carni con sangue. Forte il loro moralismo sul piano sessuale.

Non hanno nessun giorno prestabilito per fare festa (non festeggiano i compleanni ne si scambiano auguri di buon anno o di altro genere).

Celebrano i funerali nelle Sale del Regno e seppelliscono i morti nei cimiteri comunali.

Nel loro calendario non venerano alcun santo perchè per loro equivale ad “adorare delle creature”.

Metodico è lo studio della Bibbia.

La predica a domicilio avviene tutti i giorni, ma soprattutto la domenica mattina. Frequentano corsi di addestramento professionale per imparare le tecniche di persuasione e convincimento per la loro propaganda. I geovisti, che assomigliano a rappresentanti di prodotti commerciali, si distinguono in “proclamatori” (chiunque presta servizio di propaganda) e “pionieri”, che dedicano al proselitismo 100 ore al mese e, se a tempo pieno, sono pagati con stipendio fisso.

Quando devono datare qualche persona o avvenimento del passato usano la sigla E.V. (era volgare).

Sono ostili naturalmente anche alla scienza. Fino a qualche tempo fa insegnavano che l’universo esiste da 48.000 anni e che l’uomo esiste da 6.000 anni: duemila anni dopo sarebbe accaduto il diluvio universale, e così via. A dir il vero l’obiettivo delle loro polemiche si è focalizzato essenzialmente sul tema dell’evoluzionismo in biologia e solo marginalmente ad alcune tematiche paleoantropologiche. Nell’ultimo libro che hanno scritto su questo argomento: Come ha avuto origine la vita? (1985), i geovisti hanno smesso di affermare le loro assurde cronologie, che contraddicono tutti i dati della chimica, fisica, astronomia, geologia e paleontologia, e hanno cominciato a cercare delle basi scientifiche per la loro teoria creazionista (citando ad es. di continuo l’opinione di quegli scienziati che hanno dei dubbi, peraltro più che legittimi, sull’origine dell’universo). L’obiettivo finaleè¨ quello di convincere i Ministeri delle pubbliche istruzioni di tutto il mondo a imporre nelle scuole pubbliche una trattazione del non-evoluzionismo che in quanto a ore di lezione e pagine di testi sia equivalente a quella dedicata all’evoluzionismo. In modo particolare si sono accaniti contro Darwin.

Rifiutano il servizio militare e civile (se quest’ultimo è organizzato dal Ministero della Difesa), ogni forma di giuramento, di rendere onore alla bandiera nazionale, di votare (le autorità  politiche, sindacali, economiche e ecclesiastiche sono ritenute alleate di Satana). Dal punto di vista sociale si caratterizzano per la loro contestazione assoluta e globale di tutte le strutture ideologiche del mondo attuale di cui criticano ogni forma di organizzazione civile e politica. Non possono aderire neanche ad un’associazione sportiva o di beneficenza.

Come già  detto, sono contrari alle trasfusioni di sangue (ad es. nel 1980 i coniugi Oneda lasciarono morire la figlia Isabella, malata di talassemia). I tabÃù che hanno sul sangue sono tutti di origine ebraica perchè motivati sulla base dell’Antico testamento. Questi tabù d’altra parte sono stati seguiti dagli stessi cristiani per molti secoli: dal Concilio di Gerusalemme di Atti 15 al Concilio Quinisesto di Costantinopoli del 692 d.C. Ci sono stati momenti nel passato in cui il formalismo filo-giudaico (quando prevaleva nella cristianità ) prescriveva l’obbligo di astenersi dal sangue e dagli animali soffocati o strangolati.

Oggi i Testimoni si regolano in questo modo: se il paziente è un loro seguace chiedono che egli possa firmare una semplice dichiarazione legale con la quale esimere il personale medico e paramedico da ogni responsabilità  nell’eventualità  che il paziente subisca un danno per aver operato senza sangue. Naturalmente essi escludono che le trasfusioni possano essere fatte ai loro figli minorenni. Il rifiuto del paziente non deve essere considerato -essi dicono- come una forma di suicidio o di eutanasia, in quanto essi non hanno alcuna difficoltà  ad accettare terapie alternative, come ad es. l’ipotermia spinta (abbassamento della temperatura corporea per ridurre al minimo la perdita di sangue nell’intervento chirurgico), l’ipotensione (abbassamento della pressione del sangue), i composti del ferro per via orale o parenterale, gli aminoacidi e altri sostituti non biologici, come le soluzioni fisiologiche, chimiche, elettrolitiche, cristalloidi e colloidi. Se invece è il medico un TdG bisognerebbe che lo Stato gli assicurasse il diritto all’obiezione di coscienza.

Di fronte alle molte accuse che sono state loro rivolte dagli ambienti laici, essi si difendono col dire che nessuna legge impone le trasfusioni di sangue o l’obbligo del voto. Il movimento d’altra parte è diventato un maestro nell’arte delle procedure giudiziarie, in quanto porta sempre di fronte ai tribunali le controversie che lo oppongono agli organismi amministrativi statali.

Pubblicazioni principali: due quindicinali, La Torre di Guardia e Svegliatevi, con una tiratura complessiva, a livello mondiale, di 25 milioni di copie in 105 lingue, più vari opuscoli con orientamento catechistico. Hanno inondato il mondo con più di un miliardo di libri e con parecchi miliardi di periodici. Questa colossale struttura economico-finanziaria, che investe in terreni, palazzi, industrie, banche ecc., oggi fa la fortuna di 420 dirigenti. In 90 nazioni c’è una sede centrale chiamata “Betel”, sempre molto lussuosa: in Italia è a Roma. Sono in trattative con lo Stato italiano per realizzare un’Intesa che li riconosca come associazione religiosa, al pari degli ebrei, avventisti, valdesi ed evangelici. Nel 1986 sono stati riconosciuti come ente morale.

Questo Documento che avete appena letto è di pura informazione. Ci dissociamo totalmente dal giudicare la personale sfera religiosa di ognuno. Cerchiamo di apportare alle coscienze di tutti la semplice, obiettiva e documentata VERITA’.
Grazie per la lettura….DIFFONDERE IL PIU’ POSSIBILE!!!…..”


PRIMA PARTE


Per il download della registrazione clicca su questo testo
(tasto destro del mouse + salva oggetto con nome)

Chiunque intende pubblicare i contenuti ivi presenti può farlo liberamente.
E’ gradita una comunicazione.

SECONDA PARTE


Per il download della registrazione clicca su questo testo
(tasto destro del mouse + salva oggetto con nome)

Chiunque intende pubblicare i contenuti ivi presenti puù farlo liberamente.
E’ gradita una comunicazione.

CBMAN


La genesi degli inganni

Posted on 3 ottobre 2006 by CBMAN.
Categories: Cinema, Cultura, Curiosità, news, Razzismo, Religione, Rosa Nel Pugno, Storia.

Il rogo di Giordano Bruno
Ogni periodo storico ha il suo Massimo Mazzucco, Michael Moore, Morgan Spurlock, Jimmy Walter, etc. etc.

Il 1400 ha donato all’umanità  un “famoso sconosciuto” : Lorenzo Valla.

Nato a Roma nel 1405 e morto il 1 agosto 1457 sempre nella città  eterna fu uno dei più grandi Umanisti di tutta la storia.

Perchè parlare di Lorenzo Valla nel 2006?

Questo signore, oltre che un ottimo umanista, fu anche un Prete un pò particolare. Ha lottato con tutta la sua forza, intellettuale e non, per cercare la VERITA’. Ma non la veritàè  intesa come DOGMA Cristiano/Cattolico ma la semplice e pura VERITA’ DEI FATTI dimostrabile con prove e deduzioni logiche.

Nel 1439, durante il pontificato di Eugenio IV, pubblicò un breve testo, il De falso credita et ementita Constantini donatione. In esso Valla, con argomentazioni storiche e filologiche, dimostrò la falsità  della Donazione di Costantino, documento secondo cui fu lo stesso imperatore Costantino a lasciare alla Chiesa parte dei territori dell’Impero romano, giustificando così il potere temporale del papato (oggi si sa che in realtà  si tratta di uno scritto dell’VIII secolo o IX secolo).

Egli dimostrò che anche la lettera ad Abgaro attribuita a Cristo era un falso, e, sollevando dubbi sull’autenticità  di altri documenti spurii e ponendo in discussione l’utilità  della vita monastica e mettendone in luce anche l’ipocrisia nel De professione religionum (“La professione dei religiosi”), egli suscitò l’ira delle alte gerarchie ecclesiastiche. Fu obbligato pertanto a comparire davanti al tribunale dell’Inquisizione, alle cui accuse riusci a sottrarsi soltanto grazie all’intervento del re Alfonso V di Aragona.

Lorenzo Valla riuscò a dimostrare la falsità  della donazione mediante un approfondito studio linguistico del documento, mettendo in evidenza anacronismi stilistici e contraddizioni di contenuto: in particolare, egli faceva notare che il latino utilizzato nel documento non poteva essere utilizzato nel 324.

Tuttavia, il libro di Valla, De falso credita et ementita Constatini donatione declamatio (ossia, “la donazione di Costantino contraffatta e falsamente ritenuta vera”) potè essere pubblicato solo nel 1517 ed in ambiente protestante, mentre la Chiesa difese ancora per secoli la tesi dell’originalità  del documento. Attualmente la chiesa ha ammesso che quell’editto è un CLAMOROSO FALSO!

Quindi l’impero incontrastato del Papato e della Città  del Vaticano Su Roma, L’Italia, L’Europa e le varie colonie nel corso di tutti questi secoli è nato da un INGANNO PRIMORDIALE!

Ogni nuovo “ordine mondiale” nasce da un inganno!

Anche la Chiesa Cattolica ha utilizzato, nel corso dei secoli, l’inganno per ottenere POTERE.

E cosa ha portato tutto questo potere totale?

Ecco alcuni dati tratti da http://chiesa-cattolica.blogspot.com/ :

  • La Chiesa Cattolica non ha mai sottoscritto la CARTA UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO: un documento creato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il 10 Dicembre del 1948.
  • Le Crociate, nel periodo che va dall’11° al 13° secolo, generarono 22 milioni di morti, tra i quali migliaia di ebrei tedeschi.
  • Con l’Inquisizione, nel periodo che va dal 13° al 18° secolo ci furono quasi 10 milioni di morti, innumerevoli altre persone furono torturate, maltrattare e terrorizzate.
  • Nei primi 150 anni, dopo la conquista dell’America da parte degli spagnoli, 100 milioni di persone morirono “in nome di Dio”. Si tratta del più grande genocidio di tutti i tempi (Il teologo Boff, Publik-Forum, 31.5.91).
  • Tra il 1941 e il 1943, in Croazia, vennero uccisi 750.000 Serbi ortodossi in nome della chiesa Cattolica.
  • La Chiesa Cattolica ha riconosciuto che anche la donna aveva un’anima solo nel XV secolo.
  • La chiesa Cattolica è una delle causa della diffusione del virus dell’HIV, vietando l’uso del preservativo. Ciò ha causato la morte di moltissime persone, soprattutto in Brasile e in Africa.
  • Essa Discrimina l’omosessualità , facendola apparire come una malattia.Questa discriminazione ha fatto soffrire e fa tutt’ora soffrire milioni di individui, i quali si sentono colpevoli, depressi e ostacolati a vivere secondo i loro gusti e le loro tendenze naturali. Oggi, sono sempre di più gli studiosi che affermano che l’omosessualità  è solo uno dei tanti aspetti della sessualità ; quindi rientra nella normalità .
  • Condanna le minoranze religiose. Questa discriminazione non tiene conto della diffida emanata dal Parlamento Europeo di Strasburgo sull’uso pubblico della parola Setta e Settario, poichè anticostituzionale e in contrasto con il diritto alla libertà  di scelta religiosa e politica di ogni individuo. Tale emanazione onora il diritto alla libertà  e alla rispettabilità  di ogni essere umano, contribuendo a non alimentare l’odio religioso.
  • E’ invadente nelle scelte che dovrebbero essere laiche. Ad esempio, pretende che nelle scuole pubbliche italiane (Paese laico per Costituzione), vengano esposti i propri simboli. Impone quindi la propria presenza, giustificandosi che i propri valori farebbero ormai parte della cultura.In uno Stato laico, nessuna religione deve avere privilegi rispetto ad un’altra.
  • Osteggia la ricerca scientifica (cellule staminali, clonazione, ecc.), come è sempre accaduto durante la sua storia: Se fosse stato per la Chiesa, ancora oggi non avremmo avuto gli antibiotici, le operazioni chirurgiche, l’elettricità, l’aereo e il sole girerebbe intorno alla Terra. Il peggior nemico dell’oscurantismo è la scienza, è per questo che la Chiesa ha sempre ostacolato le nuove rivoluzioni scientifiche .
  • Gode di inauditi privilegi a discapito dei cittadini italiani. Grazie l’8 per mille, la Chiesa, ogni anno, riceve circa 1036 milioni di euro, aggiungendoli a un patrimonio di circa 97,3 miliardi di euro.
  • Mette in pericolo la vita di quelle numerose donne che si sottopongono ad aborti in condizioni abominevoli nei paesi in cui tale atto è considerato come un crimine, a causa delle pressioni della Chiesa. Tali pressioni, naturalmente, mettono in pericolo la dignità  e la libertà  delle donne.
  • In passato, il codice morale ecclesiastico vietava addirittura di avere piacere durante il rapporti sessuali, oppure proibiva la masturbazione.
  • Molti comportamenti estremi, conseguenza d’ insegnamenti religiosi cattolici, si evidenziano maggiormente in alcune feste paesane (anche in Italia del sud), nel periodo di Pasqua, quando degli uomini si lasciano flagellare a sangue o si fanno inchiodare sulla croce, raffigurando cos’ la passione di Gesù.
  • E’ stata complice silenziosa del Nazismo.
  • Il Vaticano, in base ai Patti lateranensi, non ha mai pagato una lira per il consumo dell’acqua, consumo, si badi bene, che ammonta a ben 5 milioni di metri cubi annui, la maggior parte utilizzati per irrigare i megagalattici giardini vaticani. Ma non basta. Fino agli anni 70 le acque di scarico, sacre sicuramente ma inquinanti altrettanto sicuramente, confluivano direttamente nel Tevere, poi furono costruiti i depuratori, ma il comune di Roma non ha mai ricevuto il pagamento del costo del servizio che, nel 1999 aveva raggiunto la bella cifretta di 44 miliardi di lire. Quando l’azienda municipalizzata ACEA è stata quotata in Borsa, gli azionisti hanno giustamente richiesto il pagamento degli “arretrati vaticani. Ma a quel punto il ministero dell’economia dell’epoca è “provvidenzialmente” intervenuto accollandosi l’onere del pagamento ed ottenendo in cambio l’assicurazione che il servizio di smaltimento acque sarebbe stato per il futuro regolarmente pagato (costo attuale 2 milioni di euro l’anno). E allora, a questo punto, avranno finalmente pagato i nostri eroi porporati? Macchè, altro colpo di bacchetta magica legislativa. Un emendamento alla legge finanziaria 2004 proposto dal senatore di Forza Italia Mario Ferrara, fa decadere anche questi oneri. L’emendamento, comma 13 dell’art. 3 prevede lo stanziamento di 25 milioni di euro per l’anno 2004 e di 4 milioni di euro per il 2005 per dotare il Vaticano di un sistema di depurazione proprio.
  • Ha l’esenzione TOTALE dell’ICI.

Tutto ciò (e molto altro che troverete nel sito che vi ho segnalato) grazie a una grande, immensa, assurda PRESA PER IL CULO????? Scontri tra religione e scienza, tra Cattolici e Mussulmani (prima e ora), tra preti e “streghe” etc etc. Milioni di morti, sofferenze, ingiustizie per cosa???? TUTTO QUESTO PER IL PRIMO INGANNO GLOBALE DELLA STORIA!

VERGOGNA!

Quindi, per favore miei cari amici, da oggi quando sentirete notizie sul Vaticano, sulla religione Cattolica, e sul Cristianesimo cercate di avere un “orecchio” critico ed attento.

E ora termino questo mio lungo post con 2 link:

  1. La tomba di Lorenzo Valla
  2. Angeli Ribelli. Film del 2004 che mette in risalto l’educazione Cattolico/Cristiana in un Riformatorio Irlandese nel 1939.

Un caro saluto a tutti.

CBMAN